resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘San Paolo’

Dalla Turchia al Brasile è una protesta globale per un mondo migliore

In Da altri media on 21/06/2013 at 22:58

Ormai si tratta di una protesta globale, le piazze di ormai tutti i continenti ardono della rabbia di una nuova generazione che è stanca di sentirsi dire cosa devono fare, è stanca di piegare la testa, è stanca che la propria voce non sia mai ascoltata mentre solo gli interessi dell’oligarchia vengono presi in considerazione. E’ vero a Gezi Park dove i cittadini vogliono che non sia solo Erdogan a decidere in favore di una folle speculazione edilizia, è vero a San Paolo dove non si accetta che per pagare gli stadi dei calciatori miliardari si alzino i biglietti degli autobus – o si brucino le risorse che sarebbero meglio servite per costruire ospedali. E’ vero a Sofia, dove la gente non ne può più di una classe politica corrotta, come lo era per gli Indignados spagnoli e per tutti i movimenti di Occupy. L’ideologia mercatista che ha soppiantato nei fatti, se non ancora nelle modalità, la democrazia, è sul banco degli imputati.

SHARED SYMBOLISM OF GLOBAL YOUTH UNREST

di Paul Mason

da BBC News

The language and the time zone changes but, from Turkey and Bulgaria to Brazil, the symbolism of protest is increasingly the same.

The Guy Fawkes masks, the erection of tent camps, the gas masks and helmets improvised in response to the use of tear gas as a means of collective punishment. The handwritten signs – scrawled in defiance of the state’s power and the uniformity of the old, collective protests of yesteryear.

And the youthfulness of the core protesters.

In Gezi Park, Istanbul, before it was cleared by police, I saw school-age teenagers turn up regularly, each afternoon in small groups, colonise what was left of the lawn and start their homework.

The pictures coming out of Sao Paulo tell a similar story.

Bypassing the state

In both cities, people born in a post-ideological era are using what symbols they can to tell a story of being modern, urban and discontented: the national flag and the shirt of the local football team are memes common to both Istanbul and Sao Paulo.

But what is driving the discontent?

When I covered the unrest in Britain and southern Europe in 2011, the answer was clear. A whole generation of young people has seen economic promises cancelled: they will work probably until their late sixties, come out of university with lifetime-crippling debts.

And, as American students famously complained in 2009, the jobs they get when they leave university are often the same jobs they did, part-time, when they were at university. I’ve met qualified civil engineers in Greece whose job was waiting table; the fact that I met them on a riot tells you all you need to know.

With the Arab Spring, it seemed different – from the outside: these were fast-growing economies – in Libya’s case spectacularly fast. But here you hit something that makes this wave of unrest unique: this is the first generation whose lives, and psychology, have been shaped by ready access to information technology and social media.

We know what this does: it makes state propaganda, censorship and a government-aligned mainstream media very easy to bypass. Egyptian state TV totally lost credibility during the first days of the uprisings against President Hosni Mubarak. This month, when Turkish TV stations tried to pull the same kind of non-reporting of unrest, they were bombarded with complaints.

“But,” one politics professor told me, “most of the complaints were from people aged over 35. The youth don’t watch TV, and in any case they have never believed what’s on the news.”

Social media makes it possible to organise protests fast, to react to repression fast, and to wage a quite successful propaganda war that makes the mainstream media and the spin machines of governments look foolish.

At the same time, it encourages a relatively “horizontal” structure to the protests themselves. Taksim Square in Istanbul was rare for having a 60-strong organising group; the protests in Sao Paulo have followed the more general pattern of several organising groups and an amorphous network of people who simply choose themselves where to turn up, what to write on their banners, and what to do.

As I arrived in Istanbul, some of my contacts in financial markets were mystified: why are they protesting when it is one of the fastest growing places on earth?

Get down to street level and the answer was clear. In the first place, many of the young educated people I spoke to complained that “the wealth is going to the corrupt elite”; many pointed out that despite being doctors, civil engineers, dotcom types etc, they could not afford a place to live.

‘Perfectly ordinary people’

But then there was the bigger grievance: they felt the religious conservative government of the AK Party was impinging on their freedom. One Turkish fashion writer – no natural revolutionary – complained of “a growing, insidious hostility to the modern”.

And they saw the heavy police action against the original tent camp in Gezi Park – an environmental protest – as a symbol of this unfreedom.

In Sao Paulo, the grievances are more clearly social: “Fewer stadiums, more hospitals”, reads one banner. The rising price of transport, combined with the government’s determination to prioritise infrastructure and sports stadia, are what this has come to be about.

But again, last week, it was an allegedly disproportionate police action – the arrest of a journalist for carrying vinegar (to dull the sting of tear gas), the shooting of four journalists with rubber bullets – which led to escalation.

In each case, the effects of police action are magnified by the ability of protesters to send images of brutality around the world immediately. And as a veteran of reporting more than 30 years’ worth of “non-lethal” law enforcement, my impression is that the use of CS, baton rounds, water cannon is pushing police procedures all over the world towards “near lethal” levels that are increasingly unacceptable to protesters who go on the streets with no violent intent.

Though smaller by comparison, the Bulgarian protests that on Wednesday removed a controversial head of state security speak to the issues that unite those taking to the streets in many countries: it is not about poverty, say protesters, it is about corruption, the sham nature of democracy, clique politics and an elite prepared to grab the lion’s share of the wealth generated by economic development.

In short, just as in 1989, when we found that people in East Europe preferred individual freedom to communism, today capitalism is becoming identified with the rule of unaccountable elites, lack of effective democratic accountability, and repressive policing.

And what the events of the last three years have shown is that perfectly ordinary people, with no ideological axe to grind, have found the means to resist it.

Annunci

La macchia d’olio

In Internazionale on 19/06/2013 at 19:26

di Simone Rossi
Poco più di una settimana fa nella città brasiliana di San Paolo si tenne una manifestazione per protestare contro l’aumento della tariffa del trasporto collettivo urbano. Cortei e presidi seguirono nei giorni successivi, anche in altre grandi città del paese, come descritto su questo blog, e nel fine settimana, lambendo il torneo internazionale di calcio ospitato nel Paese.
La sera di lunedì 17 giugno il Brasile ha conosciuto una mobilitazione popolare di dimensioni inconsuete, come non si vedeva dalla campagna Direta Já nel 1983/84 con cui i cittadini chiesero la fine della ventennale dittatura. Secondo le stime centomila persone sono scese per le strade di Rio de Janeiro e cinquantamila in quelle di San Paolo e di Belo Horizonte, le capitali degli stati dove ha sede il potere economico e finanziario nazionale. Le manifestazioni si sono ripetute nei giorni di martedì è mercoledì, allargandosi ai centri minori ed all’estero, presso le comunità degli emigrati. Come accaduto in Turchia, una questione locale, apparentemente insignificante come l’aumento della tariffa del trasporto, ha funto da catalizzatore per un movimento di protesta che richiede servizi pubblici migliori e lotta alla corruzione; a questo punto, la decisione di ridurre le tariffe prese da molte giunte comunali nelle ultime ore sembrerebbe giunta fuori tempo massimo, avendo la protesta assunto rivendicazioni più ampie. Nonostante il Brasile abbia conosciuto una consistente crescita economica nel decennio scorso i cui frutti sono stati parzialmente redistribuiti tra la popolazione con programmi di aiuto finanziario alle fasce più deboli, esso ha ancora un elevato tasso di disuguaglianza sociale. I governi di centrosinistra che si sono succeduti dal 2003 non hanno introdotto riforme che correggessero le diseguaglianze e riducessero il potere delle élite che da decenni dominano la nazione. Sanità ed istruzione di qualità sono ancora appannaggio di chi può permettersele, mentre la larga fetta di poveri e membri della piccola borghesia ha accesso ad un servizio pubblico inadeguatamente finanziato. Anche il relativo benessere derivato dagli aumenti salariali e dall’emersione del settore informale è stato intaccato dall’inflazione reale che negli ultimi due anni ha toccato quota 15%, colpendo maggiormente le classi medie e basse.
Mentre i popoli europei sembrano rassegnarsi alla macelleria sociale, i paesi cosiddetti emergenti hanno conosciuto negli ultimi tre anni rivoluzioni, scioperi e proteste. Se essi siano preludio di una fine del dominio del modello neoliberista nel mondo non è possibile predirlo, tuttavia la vetrina scintillante della globalizzazione inaugurata quasi quattro decenni fa sembra incrinarsi e perdere lustro.

#Paulista. Non solo Istanbul.

In Internazionale on 14/06/2013 at 21:40

di Simone Rossi
Nelle ultime due settimane, gli spazi di cronaca internazionale dei mezzi di informazione europei hanno dato ampio risalto alle proteste ad Istanbul ed in Turchia, scatenate dall’ennesimo piano di speculazione edilizia a scapito dell’ultima area verde del centro cittadino ed allargate alla richiesta di maggiore democrazia e laicità. Contemporaneamente in un’altra megalopoli, in un’altro continente, si ripetevano scene analoghe di protesta e repressione.
Dall’inizio di questa settimana alcune migliaia di persone sono scese quotidianamente nelle strade di San Paolo del Brasile, maggiore città e capitale finanziaria del Paese, per protestare contro l’aumento del 6.7% della tariffa del trasporto pubblico urbano a R$3.20. Per quanto esiguo possa apparire tale aumento, esso inciderà sul bilancio delle migliaia di famiglie pauliste che un reddito inferiore al salario medio, spesso al di sotto di quello minimo fissato per legge a R$678, già gravato dall’erosione del potere d’acquisto a fronte di un’impennata dei prezzi dei generi di base. Secondo il calcolo effettuato dall’editorialista de Istoé independente ogni pendolare si troverà a spendere almeno R$192 al mese, pari ad oltre il 28% del salario minimo, per potersi recare la lavoro e rientrare a casa. In una area metropolitana con oltre diciotto milioni di abitanti ed una forte carenza di infrastrutture di trasporto, venti centesimi per un biglietto d’autobus possono fare la differenza nell’inclusione sociale dei più poveri, come affermato dal Movimento Passe Libre, che lotta per un sistema di trasporto collettivo a gestione pubblica ed universale.
Nel quarto giorno di protesta il corpo antisommossa della Polizia Militare, incaricato di mantenere l’ordine, ha represso con violenza i manifestanti utilizzando lacrimogeni e proiettili di gomma e, secondo quanto riportato sulla pagina OccupyBrazil di facebook, scatenando una caccia all’uomo per le strade della città. Il bilancio della giornata è stato quello di una scena di guerriglia urbana, con traffico bloccato, un autobus dato dalle fiamme da alcuni manifestanti, vetrine rotte e duecentotrentadue persone in stato di fermo. I rappresentanti delle istituzioni, dal sindaco Haddad, al governatore dello Stato di San Paolo Alckmin fino al Ministro della Giustizia federale Cardozo hanno condannato la violenza dei manifestanti ed hanno promesso di agire con il pugno duro contro coloro che definiscono facinorosi che agiscono con finalità di destabilizzazione politica. Il Movimento Passe Libre ha rilasciato una dichiarazione in cui si specifica che i manifestanti hanno agito violentemente in risposta agli attacchi delle forze dell’ordine, intervenute con violenza ingiustificata su una manifestazione fino ad allora pacifica, con la motivazione di impedire che il corteo proseguisse oltre il limite preventivamente concordato.
Quanto descritto nel comunicato del movimento trova un riscontro nelle valutazioni effettuate dall’organizzazione Amnesty International in una nota del 13 giugno in cui, caldeggiando una soluzione pacifica alla disputa sulla tariffa del trasporto in San Paolo, è espressa preoccupazione per il frequente ricorso alla repressione violenta delle manifestazioni nella principali città brasiliane ed all’incarcerazione di manifestanti e giornalisti, in una radicalizzazione del confronto politico. Difatti, anche nelle altre città in cui si protestava per il costo del trasporto collettivo urbano, tra cui Rio de Janeiro, la reazione della polizia ha assunto forme violente. Solo dieci giorni prima dell’inizio delle manifestazioni in San Paolo, inoltre, le forze dell’ordine avevano rimosso violentemente gli indio che avevano occupato le terre dei loro avi inglobate nella fattoria di un politica locale; sorte analoga era toccata ai nativi che si opponevano agli espropri per la costruzione della diga di Belo Monte, in spregio ai diritti garantiti loro dalla costituzione e dal diritto internazionale.

#Paulista. Non solo Istanbul.

In Internazionale on 14/06/2013 at 21:40

di Simone Rossi
Nelle ultime due settimane, gli spazi di cronaca internazionale dei mezzi di informazione europei hanno dato ampio risalto alle proteste ad Istanbul ed in Turchia, scatenate dall’ennesimo piano di speculazione edilizia a scapito dell’ultima area verde del centro cittadino ed allargate alla richiesta di maggiore democrazia e laicità. Contemporaneamente in un’altra megalopoli, in un’altro continente, si ripetevano scene analoghe di protesta e repressione.
Dall’inizio di questa settimana alcune migliaia di persone sono scese quotidianamente nelle strade di San Paolo del Brasile, maggiore città e capitale finanziaria del Paese, per protestare contro l’aumento del 6.7% della tariffa del trasporto pubblico urbano a R$3.20. Per quanto esiguo possa apparire tale aumento, esso inciderà sul bilancio delle migliaia di famiglie pauliste che un reddito inferiore al salario medio, spesso al di sotto di quello minimo fissato per legge a R$678, già gravato dall’erosione del potere d’acquisto a fronte di un’impennata dei prezzi dei generi di base. Secondo il calcolo effettuato dall’editorialista de Istoé independente ogni pendolare si troverà a spendere almeno R$192 al mese, pari ad oltre il 28% del salario minimo, per potersi recare la lavoro e rientrare a casa. In una area metropolitana con oltre diciotto milioni di abitanti ed una forte carenza di infrastrutture di trasporto, venti centesimi per un biglietto d’autobus possono fare la differenza nell’inclusione sociale dei più poveri, come affermato dal Movimento Passe Libre, che lotta per un sistema di trasporto collettivo a gestione pubblica ed universale.
Nel quarto giorno di protesta il corpo antisommossa della Polizia Militare, incaricato di mantenere l’ordine, ha represso con violenza i manifestanti utilizzando lacrimogeni e proiettili di gomma e, secondo quanto riportato sulla pagina OccupyBrazil di facebook, scatenando una caccia all’uomo per le strade della città. Il bilancio della giornata è stato quello di una scena di guerriglia urbana, con traffico bloccato, un autobus dato dalle fiamme da alcuni manifestanti, vetrine rotte e duecentotrentadue persone in stato di fermo. I rappresentanti delle istituzioni, dal sindaco Haddad, al governatore dello Stato di San Paolo Alckmin fino al Ministro della Giustizia federale Cardozo hanno condannato la violenza dei manifestanti ed hanno promesso di agire con il pugno duro contro coloro che definiscono facinorosi che agiscono con finalità di destabilizzazione politica. Il Movimento Passe Libre ha rilasciato una dichiarazione in cui si specifica che i manifestanti hanno agito violentemente in risposta agli attacchi delle forze dell’ordine, intervenute con violenza ingiustificata su una manifestazione fino ad allora pacifica, con la motivazione di impedire che il corteo proseguisse oltre il limite preventivamente concordato.
Quanto descritto nel comunicato del movimento trova un riscontro nelle valutazioni effettuate dall’organizzazione Amnesty International in una nota del 13 giugno in cui, caldeggiando una soluzione pacifica alla disputa sulla tariffa del trasporto in San Paolo, è espressa preoccupazione per il frequente ricorso alla repressione violenta delle manifestazioni nella principali città brasiliane ed all’incarcerazione di manifestanti e giornalisti, in una radicalizzazione del confronto politico. Difatti, anche nelle altre città in cui si protestava per il costo del trasporto collettivo urbano, tra cui Rio de Janeiro, la reazione della polizia ha assunto forme violente. Solo dieci giorni prima dell’inizio delle manifestazioni in San Paolo, inoltre, le forze dell’ordine avevano rimosso violentemente gli indio che avevano occupato le terre dei loro avi inglobate nella fattoria di un politica locale; sorte analoga era toccata ai nativi che si opponevano agli espropri per la costruzione della diga di Belo Monte, in spregio ai diritti garantiti loro dalla costituzione e dal diritto internazionale.