resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘Osborne’

Scene di lotta di classe a Chelsea

In Da altri media on 22/11/2013 at 11:04

Come si sono ringalluzziti Cameron e Osborne, i due enfant terrible della politica inglese. Dopo anni di depressione è tornata la crescita e i Tory si prendono tutto il merito. Merito di cosa, non si sa. Una crescita insostenibile, senza investimenti, senza commercio, basata solo su una riproposizione dell’ennesima, gigantesca, bolla immobiliare. Ma tanto basta. Anzi, raddoppiamo. L’austerity deve rimanere, per sempre. Prima si è fatto pagare ai lavoratori il conto salato lasciato inevaso dalle banche. Ora si continua a ridurre lo stato sociale per mettersi a fare un pò di dumping fiscale, riducendo le tasse alle imprese e i servizi a famiglie, anziani, studenti. Per non farsi mancare nulla, un bell’intervento ad hoc per inflazionare il prezzo delle case, diamo a chi più ha – i propietari – e togliamo a chi non ha – gli affittuari.

Come racconta qui sotto Mark Blyth, una politica sfacciatamente di classe. Tutto ai ricchi, niente agli altri. Chissà se qualcuno, a sinistra, avrà capito che è tornato il tempo del conflitto.

ETERNAL AUSTERITY MAKES COMPLETE SENSE – IF YOU’ RE RICH

di Mark Blyth

da Guardian

The prime minister’s speech at the lord mayor’s banquet was notable in part because its main message, that “we need to do more with less. Not just now, but permanently,” was delivered from a throne bedecked in gold to applause from members of the financial elite. But it’s the other less commented upon aspects of the speech that signal why the government feels confident enough to reveal its true colours.

David Cameron’s claims simply don’t add up to a coherent explanation as to why “more with less” – perma-austerity – is a policy worth pursuing.

First of all, he insisted that “the biggest single threat to the cost of living in this country is if our budget deficit and debts get out of control again”. Yet while the deficit rose to 11.2% of GDP in 2010, the markets that fund British debt never once thought the situation “out of control”. Quite the contrary occurred as the interest payments due on UK bonds have gone steadily down since 2006, and have only risen now, when the UK is supposedly in recovery. A much more likely culprit for the drop in living standards is the fall in British real wages of over 5% since 2010 coupled with high price inflation, but that doesn’t fit with the story of “out of control” spending needing to be reined in for the common good.

Second, when you have a deficit, you can either raise taxes or cut spending to fill the gap, and the coalition have favoured the latter. And because of these efforts British government debt has gone up, not down, despite the cuts, from 52.3% of GDP in 2009 to 90.7% in 2013. This is hardly a surprise given that exactly this same pattern of cuts leading to more debt as the underlying economy shrinks has been the story throughout the Eurozone too.

Given this, you might think that finding some new tax revenue to balance the books is a good idea. The prime minister seemed to agree on Monday when he applauded the G8’s Lough Erne declaration that will “ensure companies pay their taxes”. Then, almost in the same breath, he announced that the UK would cut corporation tax to 20%, “the lowest in the G20” – thereby copying the growth model of such dynamic economies as Ireland and Latvia.

Third, if what got us all this debt in the first place was a “too big to fail” banking system that was bailed out at taxpayer expense, you would expect the government to make sure that we don’t “simply try and rebuild the same type of economy we had before the crash”, as the prime minister put it in his speech. But of course, quite the opposite has happened. The government has deliberately stoked another London-centred housing bubble just in time for re-election using a right to buy scheme that basically gives anyone that qualifies their own personal Fannie and Freddie mortgage guarantee. Meanwhile, British banks are bigger than ever and are expected to grow bigger still.

Finally, the point of all this effort, according to the prime minister, is to engineer “a fundamental cultural change in our country” that is necessary to foster greater innovation. Yet in the same speech Cameron lauded British universities, British genetics, British material science and British microelectronics as “the envy of the world”. But if the UK has all this, why would you need such a radical cultural change?

So if the contents of the speech and the arguments for perma-austerity don’t add up, why then double down on the policy?

One answer is to follow the money in terms of who benefits and who loses from such a policy.

We need to remember that the crisis that brought us here was a private sector crisis. Their debts landed on the balance sheet of the public sector through bank bailouts, recapitalisations and unlimited quantitative easing. In other words, taxpayers bailed bankers and the price was a ballooning deficit.

That deficit took the form of what finance-types call a “class-specific put option”. A “put” option is contract where the buyer of the contract has the right, but not the obligation, to re-sell the contract at a future point, while the seller must buy back the contract at a pre-determined price and time. In other words, the seller is selling insurance and the buyer is purchasing the right to cash it in.

Now why is this a “class specific” put option? Over the past 35 years the UK has become an increasingly unequal country, with those holding appreciating assets (mainly housing in the south) and high incomes (mainly financial salaries and bonuses) reaping most of the gains. These are also the folks that cashed in that insurance policy when the banks failed – they got their assets bailed. The balance due for this cashed-out insurance policy is still either tax increases – which as we saw with the fate of the 50% income tax rate and heard on Monday with regard to corporations, is off the table – or more cuts to government spending. So who pays?

The nice thing about cutting government spending in a highly unequal society, at least for the coalition, is that it doesn’t affect those with most of the assets and income. These folks don’t rely on government services, and their assets and incomes are, thanks to government policy, on the rise once again. They are also the folks that fund elections and show up to vote.

Perhaps the real message of Cameron’s speech is then the following? If austerity doesn’t work, just pump up the assets of those who matter and pass the cost on to those who don’t through spending cuts since they will not vote for you anyway. Then tell tall tales about “out of control” spending habits, despite the evidence, while assiduously avoiding taxing your constituents. This used to be called class politics. Maybe it will once again be recognised for what it really is, even without the gold chains and the throne in the room as a clue for the uninitiated.

Annunci

Parole di buon senso

In Da altri media on 24/10/2013 at 09:30

Deve essere il destino di un mondo in declino che le parole più saggie si sentano oggi da un attore comico come Russell Brand. Intervistato dal giornalista di punta della BBC, Jeremy Paxman, Brand si è lanciato in un quasi-monologo attaccando un sistema politico ed economico che distrugge il pianeta, che divide il mondo in classi, che sfrutta gli uomini per il profitto. Un discorso quasi pre-politico in cui non si offrono soluzioni, e si attacca tutto. Ma, allo stesso tempo, profondamente politico, perchè meglio di tanti altri Brand punta il dito sulle questioni vere del XXI secolo e si infuria contro una classe di politici che sembrano ormai devoti solo ad interessi specifici, spesso sordidi, ma che sono muti e ignavi di fronte al bene comune.

La soluzione del non voto, proposta da Brand, è assai contestabile, non ci sono dubbi. Ma gli argomenti di cui parla sono i nostri, sono quelli di tutti. E parlarne in TV, o sui giornali, o su un blog, rimane comunque la prima mossa perchè sempre più gente ascolti. Kudos to Russell Brand.

Miseria dell’ideologia

In Editoriali on 09/10/2013 at 23:25

di Nicola Melloni

da Liberazione

Nel corso degli ultimi anni abbiamo visto diversi tentativi di dare basi teoriche all’austerity, incolpando il debito ed i governi dei problemi creati dal mercato e dalla banche. Tentativi maldestri, pieni di errori marchiani, con numeri costruiti ad arte per ottenere risultati falsi, ma che hanno avuto un’eco importante tra i politici, soprattutto quelli europei, che sono saltati in fretta sul carro dell’austerity per tagliare pensioni e salari con la scusa dell’emergenza economica. Emergenza che poi, puntualmente, si è avverata proprio a causa delle scelte assurde dei governi.
Ora, dopo anni di pene, che per alcuni, come l’Italia, continuano a protrarsi, l’economia europea sembra però stabilizzarsi, ridando fiato ai pasdaran dell’austerity. Poco prima delle elezioni tedesche, avevamo visto come il ministro delle finanze Schauble avesse rivendicato con forza i numeri del “successo” europeo. Qualche giorno fa è stato il suo omologo inglese, il Cancelliere dello Scacchiere George Osborne, a rivendicare i magnifici successi dell’economia britannica, ormai sulla retta via grazie al suo governo.
In effetti, il Pil della Gran Bretagna, al contrario di quello italiano, non è più in rovinosa caduta e negli ultimi trimestri è tornato il segno positivo. Non solo, ma la disoccupazione nel corso di questi anni – e contrariamente alla dinamica vista nel Sud Europa – è rimasta sotto controllo. Insomma, tutto bene, madama la marchesa. Peccato che si tratti di una lettura parziale, falsa ed intellettualmente disonesta.
La disoccupazione non è aumentata quanto si temeva, è vero: ma questo è dovuto ad alcuni fattori strutturali oltre ad altri bluff statistici. Il crollo della produttività ha comportato un calo solo parziale degli occupati, per altro coperto da contratti a zero ore e precariato che hanno spinto i salari verso il basso. Quanto alla crescita, dopo anni di recessione, l’andamento del Pil è piatto. Meglio del passato, ma non pare proprio un gran successo. Meglio di diversi paesi europei, ma senza mai aver avuto i problemi strutturali legati alla mancanza di sovranità monetaria dei Pigs. In realtà, come spiegato da Vox.eu, tanto il paragone con gli Stati Uniti quanto quello con tutte le altre crisi finanziarie e bancarie del XX secolo mostrano come la Gran Bretagna abbia avuto una ripresa post-crisi incredibilmente lenta. Nessuno ha mai pensato che la recessione sarebbe stata infinita, i fattori strutturali – la capacità produttiva – avrebbero prima o poi arrestato la depressione. Il problema è proprio il prima o poi, e grazie all’austerity si è prolungata, inutilmente, la caduta dell’economia. Tutti i dati economici sono peggiori di quanto previsto quando il governo Tory vinse le elezioni, la crescita cumulativa del Pil è 1/3 di quanto si fosse previsto nel 2010 e inferiore di tre punti percentuali a quanto sarebbe dovuto essere quest’anno in assenza di politiche fiscali restrittive. Certo, sappiamo benissimo che le previsioni economiche sono fatte per essere corrette. Rimane però aperta la questione dell’utilità dell’austerity, fatta per mettere sotto controllo deficit e debito, mentre è avvenuto esattamente l’opposto con il debito inglese che è passato dal 70 all’85% del PIL. Ciò nonostante non è accaduto quello che temevano – o, almeno, sostenevano di temere – i conservatori, e cioè una reazione negativa dei mercati ed una fuga di capitali tipo Grecia provando senza tema di smentita che tutta la costruzione teorica intorno all’austerity era molto semplicemente una baggianata.
Nel frattempo anche dall’altra parte dell’Atlantico i falchi neo-lib sono all’attacco. Di nuovo l’ossessione del debito, portata a livelli così parossistici da chiudere addirittura il governo federale. La parola d’ordine della destra è che i conti pubblici sono fuori controllo e questo rischia di portare al crollo dell’economia e della potenza americana. Agli invasati del Tea Party si sono uniti i conservatori tout court tipo Niall Ferguson, storico di Harvard ed ormai star televisiva e scrittore di best seller. Ferguson sul Wall Street Journal confonde i numeri – come già i suoi stimati colleghi di Harvard Reinhart e Rogoff – e sostiene l’insostenibile, cioè che la dinamica del debito Usa sia fuori controllo. Cosa patentemente falsa, ed infatti ai correnti livelli di inflazione e di tassi sui buoni del tesoro, il Governo americano sta facendo profitti emettendo titoli di debito (gli interessi sono minori del livello dei prezzi). Secondo i calcoli dell’economista di Berkley Brad DeLong, grazie alla corrente dinamica del debito, gli Stati Uniti possono incorrere in un disavanzo primario del 2.3% del PIL mantenendo stabile il corrente livello di debito. Altro che crisi, altro che shut down si tratta proprio del momento di aumentare la spesa pubblica per aiutare l’economia.
Per decenni l’economia neoliberale ha usato la matematica per provare la sua correttezza, pur eliminando a piacimento le variabili che non si sposavano bene con le risposte che si volevano. Ora, invece, si truccano e si nascondono i numeri per cercare di giustificare scelte di politica economica i cui fallimenti sono davanti gli occhi di tutti. Parafrasando Marx, miseria dell’ideologia.

Tutti i fallimenti dell’austerity

In Da altri media on 07/10/2013 at 23:05
E dunque la Gran Bretagna – insieme a parte dell’Europa – è uscita dalla recessione. Avevano ragione loro, allora! L’austerity funziona! Non siamo tornati al medioevo e quindi di cosa ci siamo lamentati finora? In effetti il mitico e brillante Cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha fatto sua la lezione del suo omologo tedesco Schauble: l’avevamo detto. Un argomento di una disonestà intellettuale da paura, che dovrebbe imbarazzare più che altro chi ha il coraggio di proununciare queste parole. Il punto non è mai stato che l’austerity avrebbe distrutto le economie europee – e comunque in Grecia, Spagna, Portogallo e Italia non siamo certo lontani da un punto di non ritorno – ma semplicemente che queste politiche economiche idiote avrebbero inflitto all’economia – e alla maggioranza dei cittadini, certo non a tutti… – pene e sofferenze assolutamente non necessarie (come per altro spiegato brillantemente in questo post da Simon Wren Lewis).
Nel pezzo che pubblichiamo qui di seguito, Martin Wolf, principale commentatore economico del FT spiega con precision perchè la tesi di Osborne e dei suoi compari è assolutamente inconsistente ed impartisce ai sostenitori dell’austerity una lezione di prinicipi di economia (e di etica…)
OSBORNE HAS NOW BEEN PROVED WRONG ON AUSTERITY
di Martin Wolf
da FT

The UK economy is recovering. The government is vindicated. Its critics should crawl into a hole. This, in essence, is what George Osborne, the chancellor of the exchequer, claimed in a rousing speech delivered earlier this month. In particular, he argues, Plan A has worked. Those who have been advocating a Plan B – slower fiscal tightening – have proved to be wrong. Here, then, is my response.

Yes, the economy is recovering. But the performance since Mr Osborne took office in May 2010 has been dismal. Over three years, the economy has grown by a cumulative total of 2. 2 per cent. In June 2010 the Office for Budget Responsibility forecast that the economy would expand by 8.2 per cent between 2010 and 2013. The real figure may end up being a third of that. In the second quarter of this year, gross domestic product was still 3.3 per cent below the pre-crisis peak and 18 per cent below its 1980-2007 trend – the slowest British recovery on record.

Financial crises do cause havoc. That explains some of this awful performance. But Spencer Dale and James Talbot of the Bank of England have shown that UK performance is dismal even by the standards of other crisis-hit, high-income economies. The eurozone has performed as badly as the UK. But, given the mess there and the UK’s control over all policy levers, that is hardly something to boast about.

Mr Osborne can (and does) point to a strong labour market performance. This has been a saving grace for Britain. Had the UK enjoyed normal productivity performance, unemployment might now be more than 15 per cent. Unemployment has remained low because labour productivity has now fallen back to 2005 levels. That is hardly something to boast about.

Mr Osborne responds that fiscal policy did not cause the dismal underperformance. That was due to inflation shocks and the eurozone. Since Mr Osborne was a cheerleader for the eurozone’s austerity, he cannot wash his hands of all blame. But the more important point, as Simon Wren-Lewis of Oxford university has pointed out, is that the debate is not about what caused the unforecast slowdown. What matters is whether the economy has been weaker with austerity than without it.

Little doubt exists over the answer to this question. With interest rates at the zero bound, austerity weakened the economy relative to what might otherwise have happened. The question is only how much it has done so. It is impossible to know counterfactuals. But Oscar Jordà and Alan Taylor of the University of California, Davis, concluded that in 2013 UK GDP will be about 3 per cent smaller than it would otherwise have been. Is that right? Nobody knows. But it is in the right direction.

Oh no, it is not, proponents of austerity respond. This ignores the fact that the programme delivered credibility and lower interest rates. In the febrile circumstances of 2010, when people thought, foolishly, that the UK might become Greece, that view might have made some sense. But it soon became clear it did not. In June 2010, the OBR forecast cumulative net borrowing of £322bn between 2011-12 and 2015-16. In March 2013 this was up to £564bn. In June 2010 the structural current budget was forecast to be in surplus by 2014-15. By March 2013 this had slipped two years. In June 2010 the ratio of public sector net debt to GDP was forecast to start falling in 2014-15. By March 2013 this had moved back to 2017-18. The peak level of net debt also jumped from 70.3 per cent to 85.6 per cent of GDP. Yet the impact of this slippage on long-term interest rates was zero. Only improved prospects for recovery and so of earlier rises in short-term rates raised longer-term rates.

So the chancellor had other options. As I have argued before, he could have stuck to the same plans for current spending, while temporarily lowering rather than raising value added tax. He also could have taken advantage of low borrowing rates to increase rather than reduce public investment. In fact, he is too hard on himself. He has allowed the fiscal position to slip and used the public balance sheet to support investment and the housing market. Call it Plan A minus. But he could certainly have been more deliberate and aggressive about it.

To this the chancellor would reply that none of this matters because the economy is recovering strongly anyway. Moreover, he insists, his critics thought this was impossible. But nobody thought recovery would never happen under austerity, merely that it would be damagingly delayed. The politics of this policy may not be too bad for Mr Osborne if the unnecessarily slow recovery becomes a faster bounceback in the run-in to the 2015 election. But it is hard to see an economic case for it.

One thing ought to be quite clear: the fact that the economy grows in the end does not prove that needlessly weakening the recovery was a sound idea. This has been an unnecessarily protracted slump. It is good that recovery is here, though it is far too soon to tell its quality and durability. But this does not justify what remains a large unforced error.

Ripresa a zero ore.

In Internazionale on 12/08/2013 at 17:45

di Simone Rossi

Uno dei tratti comuni dei governi europei è quello di auto-validare il proprio operato con proclami roboanti e di proporre un’interpretazione rosea della reltà, slegata dalla quotidianità di milioni di lavoratori, disoccupati e pensionati. Un ottimo esempio lo ha fornito il Ministro dell’Economia italiano Saccomanni che a metà della scorsa settimana proclamava trionfante l’uscita dalla crisi, nonostante parametri come disoccupazione e povertà permangano a livelli preoccupanti e la produzione industriale sia in continuo calo.
Da questo finto ottimismo, da questa ricerca di una conferma della bontà delle politiche di austerità al di là della realtà dei fatti non sono immuni i membri dell’Esecutivo britannico. Dopo risultati modestamente positivi del Prodotto Interno Lordo nel primo (+0.3%) e nel secondo trimestre di quest’anno (+0.6%) il Ministro delle Finanze britannico Osborne si è frequentemente lanciato in proclami trionfali, nonostante i settori edile e manifatturiero siano ancora in crisi e a fronte di una disoccupazione che continua ad attestarsi intorno ai due milioni e mezzo di disoccupati.

Pur volendo dar credito ai trionfalismi di Osborne (o Saccomanni) quale tipo di ripresa economica si sta prospettando? “Ripresa”, “crescita”, “sviluppo” sono termini che possiamo utilizzare con un senso assoluto? Sono così neutri come si vuol fare apparire?

Il dato positivo relativo al Regno Unito riguarda specialmente i servizi, che comprende dalle forniture energetiche ai call centre. In questo settore si è registrato un incremento nell’impiego di forme contrattuali che un tempo avremmo definito atipiche dal part-time al lavoro a tempo determinato, dai programmi di inserimento lavorativo dei disoccupati beneficiari di sussidi, per cui lo Stato offre nei fatti manodopera gratuita alle aziende, alla formula “zero ore”. Nello specifico, quest’ultima soluzione è stata oggetto di un intenso dibattito nelle scorse settimane, dopo esser emerso che circa un milione di lavoratori e lavoratrici sono impiegati con questa tipologia di contratto. Essa comporta l’assunzione da parte del datore di lavoro senza impegno a garantire un numero minimo di ore lavorate ogni mese e quindi senza garanzia di un salario, della copertura in caso di malattia e delle ferie. I dipendenti devono attendere ogni giorno un’eventuale chiamata del datore di lavoro che decide la durata della prestazione lavoratica; per contro i lavoratori sono contrattualmente vincolati al datore di lavoro, per cui non possono compensare le eventuali ore non lavorate prestando la propria opera ad altri.
È una situazione in cui a vincere sono in molti ma non i lavoratori: i datori di lavoro possono usufruire di oggetti umani per le proprie esigenze produttive senza assumersi responsabilità alcuna nei loto confronti e con un costo del lavoro ridotto, l’Esecutivo può vantare di non aver causato un incremento della disoccupazione con le proprie politiche regressive ed i partiti di maggioranza potranno presentarsi all’elettorato nel 2015 forti di una ripresa (o principio di) fittizia. Non può dirsi ripresa, non sono un’economia ed una società solide e sane quelle in cui termini crescita e sviluppo si traducono in incremento dei dividendi e degli utili ed al contempo in un impoverimento diffuso della popolazione.