resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘francia’

L’Europa che non va

In Internazionale on 25/03/2014 at 13:08

front-national

 

I risultati del weekend elettorale francese sono abbastanza chiari: il Front National avanza, i socialisti perdono. Nonostante la destra di Marie Le Pen fosse presente solo in pochi municipi, il suo successo è piuttosto netto e conferma le fosche previsioni in vista delle elezioni europee, dove il FN potrebbe divenire primo partito francese.

La reazione di Hollande è stata simile a quella di Jospin nel 2003, quando il candidato socialista non arrivò al secondo turno e chiese all’elettorato di sinistra di votare compatto per Chirac, contro Le Pen padre, in nome dei valori repubblicani. Si tratta però di una risposta politica debole, difensiva e che non riesce a percepire gli umori dell’elettorato francese – e di quello europeo.

I socialisti rispondono alla loro crisi, che è la crisi della Francia, con la Grande Coalizione, che è poi quello che, a livello continentale, socialisti europei e conservatori propongono per Bruxelles. I due grandi partiti tradizionali insieme per difendere gli ideali democratici, repubblicani, europeisti, contro l’avanzata dei barbari. O forse, invece, due partiti che si presentano diversi ma che votano, da anni, le stesse politiche economiche e che ora difendono in ogni modo lo status quo. Uno status quo che non va, che vuol dire austerità, povertà, disoccupazione, diseguaglianza. Che genera scontento, proteste, manifestazioni, rivolte, che sgretola la politica tradizionale, che porta, quasi naturalmente, alla crescita di forze reazionarie ed anti-europeiste. In Francia, ma non solo in Francia, lo sappiamo bene.

Eppure, a Bruxelles (e a Berlino) non l’hanno ancora capito. E anche nella Parigi sotto assedio nulla sembra cambiare. Hollande predica nuove alleanze centriste come antidoto al FN; non ha ancora capito che sono le politiche a dover cambiare, non le alleanze. Né sembra aver capito che invece la destra ormai ex-gollista pesca volentieri nel bacino del FN, con politiche sempre più reazionarie, e con appelli diretti per accogliere il voto dei seguaci di Le Pen. Un fenomeno non solo francese, basti pensare comei Conservatori inglesi stiano ormai inseguendo gli indipendentisti sul terreno dell’antieuropeismo e della xenofobia, o come in Italia Berlusconi sia pronto a cavalcare la battaglia anti-europeista, con Grillo, Lega e Fratelli d’Italia.

Davanti a questo progressivo sgretolamento che presto potrebbe trasformarsi in valanga, si continua a rimanere immobili, si continua a parlare di deficit e debito, si continua a ripetere il mantra dell’austerity. Si continua ad andar dritti contro un muro che rischia davvero di far crollare l’ormai fragile edificio europeo, e che potrebbe però portarsi dietro, nella sua rovina, un sistema democratico che sembra ormai incapace di rispecchiare il volere dell’elettorato. Si vota, si cambia governo, ma le pene rimangono sempre le stesse.

Ecco allora che l’unica speranza di salvezza sembra essere una rinascita della sinistra vera, europeista ma alternativa all’Europa attuale. Non certo il PSE di Hollande che tradisce il mandato elettorale, non certo la SPD di Schulz che dice di voler mettere il lavoro al centro della nuova Europa mentre conferma il fiscal compact e si allea con Frau Merkel a Berlino. Che credibilità possono avere soggetti di questo tipo, responsabili in questi anni dei disastri della crisi?

Un’altra sinistra ed un’altra Europa è possibile. Per questo da Syriza alla nostrana lista Tsipras, fino a IU in Spagna, alla sinistra portoghese, francese, tedesca, si deve dar vita ad una vera alternativa, ad un Eurosocialismo che salvi non solo l’Euro e la UE, ma l’anima e i popoli dell’Europa. Una sinistra del lavoro e non dei mercati è l’unica alternativa all’incapacità degli Hollande, e al dilagare dei Le Pen di turno.

S&P’s affonda Hollande

In Capitalismo on 08/11/2013 at 16:54

di Nicola Melloni

Si sono scandalizzati i francesi, soprattutto i loro politici, per il declassamento del debito operato da S&P’s. Come sempre accuse di politicizzazione del giudizio, di non vedere quanto di buono fatto dal governo, e così via.

Più volte abbiamo criticato il metro di giudizio delle rating agencies, e con buone ragioni. Ma in questo caso mi sembra che non ci sia nulla di scandaloso nel declassamento francese. Anzi, Hollande se l’è proprio cercato. Il Presidente francese si è fatto eleggere l’anno scorso promettendo di farla finita con l’austerity tedesca, magari guidando una alleanza di paesi latini. Ha però poi fatto esattamente il contrario di quanto promesso, inginocchiandosi davanti a Frau Merkel.

Con risultati disastrosi. L’anno scorso la Francia ha usato dosi da cavallo di austerity, che come al solito ha portato risultati opposti a quelli sperati. La stretta fiscale è stata massiccia – quasi il 2% del PIL – ma il deficit anche per quest’anno sarà superiore al 3%  deciso in sede europea, anzi sarà vicino al 4%. Il debito cresce. E la disoccupazione è aumentata di 370mila unità. La situazione economica è, in poche parole, disastrosa.

Questi sono i risultati del tradimento del mandato elettorale, questi sono i risultati dell’austerity. E dunque la bocciatura di Hollande e dei socialisti francesi è più che giustificata.

Emma l’americana

In Internazionale, politica on 02/07/2013 at 19:20

di Simone Rossi
Le rivelazioni emerse nel fine settimana secondo cui alcune rappresentanze diplomatiche europee e dell’Unione Europea sono state oggetto di operazioni di spionaggio da parte della NSA hanno scatenato reazioni dure delle cancellerie, in particolare di quelle francese e tedesca, che chiedono spiegazioni all’esecutivo degli USA per il loro comportamento inspiegabile e preoccupante, minacciando di bloccare il trattato di libero commercio tra le due sponde dell’Atlantico di cui si discute da mesi. La presa di posizione più ferma è quella del governo tedesco, il cui Paese non appariva nell’elenco reso pubblico inizialmente ma che in realtà è stato oggetto di un’intensa attività spionistica, a conferma del fatto che la potenza d’oltre oceano concepisce il proprio ruolo nel parternariato con i paesi europei come dominante, che non ammette rivali. Dopo l’intervento del Ministro della Giustizia tedesco, che ha richiamato scenari da Guerra Fredda, il portavoce della Cancelliera Angela Merkel ha affermato che “origliare le conversazioni degli amici non è accettabile”.
Fa eccezione alle reazioni indignate dei colleghi europei l’ignavo silenzio dell’esecutivo italiano, il cui unico pronunciamento sulle vicende rivelate da Snowden è stato quello del Ministro degli Esteri, Emma Bonino, confermatasi ancora una volta più realista del re. Dopo i cauti inviti ad attendere conferme e risposte, forte della propria convinzione che tra le due sponde dell’Atlantico ci sia uno spirito di collaborazione e di amicizia, ha bacchettato duramente il governo statunitense, affermando che “spiarsi tra alleati non è carino”. Dopo di che ha buttato la vicenda “in caciara”, ironizzando sul ruolo assunto dalla Russia nella querelle internazionale seguita alle rivelazioni sul NSA, elencando i successi della diplomazia euro-americana nel bacino del Mediterraneo ed esprimendo soddisfazione per l’ingresso della Croazia nella UE. Un atteggiamento, quello della Bonino e del Governo Letta, che ribadisce l’insignificanza dell’Italia sul palcoscenico internazionale, dove da almeno due decenni ha un ruolo da personaggio della Commedia dell’Arte, appiattito sui voleri degli alleati più potenti ed incapace di asserire la benché minima autonomia e dignità, che si tratti di assicurare alla giustizia i responsabili della strage del Cermis (1998) o di asserire la propria sovranità di fronte ai diktat della BCE (2011).

Il Mali e il male del colonialismo

In Da altri media on 22/01/2013 at 00:05
Presentiamo di seguito un interessante analisi sul Mali, gli interessi di stampo colonialista francesi, e la guerra che sui giornali viene largamente ignorata ma che è solo l’ennesimo episodio dell’imperialismo occidentale in Europa. Come al solito di mezzo ci sono importanti risorse minerarie ed il loro controllo, tra rinascita africana, avanzata cinese e vecchie abitudini europee. Ed una volta di più le “supposte” differenze politiche ed ideologiche tra destra e sinistra svaniscono immediatamente quando si parla di “interesse nazionale”, maniera gentile e politically correct per definire lo sfruttamento di altri popoli e nazioni.
 

“Il Mali e il Sahel campi di battaglia di una nuova guerra fredda molto calda”

 

di Andrea Genovali
da Marx21
 
Il Mali, paese di poco più di 14 milioni di persone, alla 178° posizione su 182 nell’indice dello sviluppo umano, posto nella parte nord occidentale del continente africano, confina con l’Algeria, il Niger, il Burkina, la Costa d’Avorio, la Guinea, il Senegal e la Mauritania. Già colonia francese con il nome di Sudan francese, acquistò la sua indipendenza formale, come gran parte dei paesi africani, nel 1960 unito al Senegal in quella che fu la Federazione del Mali. Dopo l’implosione della federazione si proclamò indipendente e dette vita alla repubblica che fino al 1968 fu una repubblica socialista guidata da Keita che venne abbattuto da un colpo di stato militare guidato da Traorè, ancora sulla scena in questi anni, e solo nel 1992 si avviò verso un processo di democratizzazione con il presidente dello stato eletto direttamente dal popolo ogni 5 anni.

Il Mali è un paese del cosiddetto Sahel, dall’arabo “paesi sulla riva del mare” anche se poi in alcune versione si intende per riva anche quella del deserto e per questo alla fine si ricomprendono nel termine i paesi che si affacciano sull’oceano Atlantico del nordafrica fino al Corno d’Africa passando attraverso i paesi centroafricani: Mauritania, Mali, Burkina, Niger, Ciad, Senegal, Sudan e Eritrea. Una fascia di paesi che nel corso di questi anni ha visto una progressiva militarizzazione da parte della potenza ex coloniale (Francia) ma non solo. Vi è stata, ed è ancora in corso, una progressiva presenza militare dell’occidente nella zona a causa delle ingenti ricchezze che insistono nel sottosuolo dei paesi saheliani. E’ noto come il petrolio del golfo di Guinea sia una riserva importante per gli Usa, da cui hanno attinto nel corso degli anni ingenti quantità. Dall’Africa gli Usa soddisfano attualmente il 20% delle loro necessità petrolifere con la previsione di arrivare al 25% nel 2015. L’occidente africano ha riserve petrolifere stimabili in 60.000 milioni di barili, quantità che fanno gola all’assetato occidente.Non a caso è dal lontano 2003 che è iniziata una campagna militare che ha come pretesto il terrorismo islamico (gruppi salafiti) da parte degli Usa in vari paese del Sahel e con la previsione di costruire una base militare navale a Sao Tomè di proporzioni mastodontiche. La presenza salafita è una realtà ma quanto è imputabile alle potenze occidentali la loro crescita? Questo per dire che si è lavorato anche in Europa e negli Usa affinché gli islamisti (il problema) diventassero una realtà la cui unica risposta possibile fosse di tipo militare (la soluzione) e con la militarizzazione del territorio anche l’espropriazione forzosa delle risorse di quei paesi. Una tragica strategia già vista in Palestina e nel Vicino Oriente da parte degli occidentali. Una colonizzazione militare del Sahel che oggi passa anche dal finanziamento della Africom (la macchina di intervento della Nato in Africa nella quale gli eserciti africani svolgono il ruolo di manovalanza, come avveniva al tempo delle colonie), tramite la Banca Africana per lo Sviluppo. In questo contesto larga parte dei paese del Sahel sono guidati da elementi di una borghesia compradora che ha studiato in Europa e svolgono il ruolo di proconsoli della Francia, dell’Europa e degli Usa. Sicuramente, questo malgoverno che svende il futuro dei popoli del Sahel agli stranieri è fonte di forte malessere e disagio fra le popolazioni. In questo malessere profondo, causato dall’occidente e da governi africani corrotti, si inserisce l’islamismo jiadista. Ma questo è un argomento che in pochi vogliono affrontare perchè disvelerebbe le responsabilità dell’Unione Europea e degli Usa nelle tragedie che vivono i popoli africani e non solo. Meglio allora militarizzare senza tante discussioni.Questo in breve e per sommi capi lo scenario nel quale si sta sviluppando la guerra in Mali che però ci è d’aiuto per comprendere come le ragioni siano molto complesse nel loro dispiegarsi anche se semplici nella sostanza: ragioni figlie delle rapaci politiche occidentali che hanno nella depredazione delle risorse energetiche e minerarie le loro ragioni fondamentali.E il Mali è il nuovo capitolo di questa “guerra” per le risorse da parte francese, anche se gli interessi europei e statunitensi non sono estranei al conflitto. Affermiamo questo tenendo sempre ben presente il convitato di pietra che è la Cina che, nel corso di questi anni, ha sviluppato un approccio e una strategia nelle relazioni con i paesi africani che, pur tenendo al centro del proprio agire i legittimi interessi di Pechino, ha saputo sviluppare relazioni che non sono neppure lontanamente paragonabili all’imperialismo occidentale e per questo stanno attraendo nella loro orbita moltissimi paesi del continente nero. E, sicuramente, la battaglia in corso in Africa è anche, e forse soprattutto, rivolta contro la presenza cinese che con il suo approccio maggiormente rispettoso degli interessi dei popoli africani sta alterando a suo favore e in maniera profonda e duratura gli equilibri e le relazioni con i paesi africani, prima ad appannaggio esclusivamente di Europa e Stati Uniti.La presenza francese, ovviamente, per storia e ragioni economiche pesa come un macigno sul Sahel. I francesi, al di là del colore politico dei loro governi, sono intervenuti sempre nei problemi interni di quei paesi che ricadono nella loro cosiddetta “area di influenza”, senza mai tenere di conto il diritto internazionale e i diritti umani delle popolazioni africane. Sono intervenuti direttamente nel conflitto interno in Costa d’Avorio quando il presidente che aveva vinto le elezioni al turno di ballottaggio venne contestato dall’uscente Gbagbo che l’accusò di brogli e rimase al suo posto, salvo poi essere rovesciato qualche mese più tardi con l’aiuto dei francesi. Un presidente fedele a Parigi ma che adesso voleva liberalizzare il mercato del petrolio rompendo la politica colonialistica francese e questo era ovviamente inaccettabile per Parigi; in Ciad hanno salvato l’impresentabile Deby, in Libia rovesciato Gheddafi, anche se in questo caso insieme all’occidente. Ed è proprio sulle conseguenze di quel rovesciamento che nascono molte delle questioni di oggi in Mali. I tuareg, che erano rimasti vicini a Gheddafi fino alla fine, sono fuggiti nel deserto portando con sé armi, veicoli e munizioni e adesso sono la colonna portante dei jiadisti in Mali (anche se sembra che una parte di essi stia prendendo le distanze dagli islamisti).In Mali, però, stiamo assistendo a una procedura di intervento diversa rispetto ad alcuni casi recenti. Infatti, mentre in Libia e in altri stati c’è stato un intervento che non ha visto lo schierarsi degli eserciti straniere sul territorio in Mali si va delineando un’altra dimensione di scontro e molto probabilmente vi sarà una escalation militare che potrà coinvolgere gran parte del continente. Non è astratto parlare di una battaglia internazionale per l’Africa, o meglio per accaparrarsi le risorse africane, specie quelle saheliane.Il Mali è terzo produttore africano di oro e in questi anni sono stati concessi oltre 60 permessi di esplorazione ad aziende straniere del settore aurifero. Ma vi sono anche risorse energetiche non ancora sfruttate adeguatamente e fra di esse spicca l’uranio. Giacimenti di grande rilevanza (uno è stato stimato in circa 5000 tonnellate), che se li stanno contendendo compagnie private canadesi e australiane; quello stesso uranio che la Francia si accaparra in Niger, paese confinante con il Mali. E proprio la vicinanza del Niger con il Mali è uno dei motivi per i quali sta facendo questa guerra al fine di evitare turbolenze in una regione così importante per gli interessi strategici francesi. Ma non solo. Anche la bauxite, di cui è il Mali è il primo esportatore in Africa, fondamentale per l’alluminio, è al centro dell’interesse delle compagnie internazionali occidentali, multinazionali inglesi soprattutto. E ancora: il gas. E’ stato scoperto un gigantesco giacimento a 60 chilometri dalla capitale Bamako che si dice sia di una purezza eccezionale e a soli 107 metri di profondità. Ma anche in Niger, Mauritania, Algeria e altri paesi della zona si stanno scoprendo giacimenti di risorse energetiche di grande interesse che alimentano gli appetiti dei paesi imperialisti.Se questo è lo scenario, e soprattutto, gli interessi che stanno dietro alla guerra in atto vediamo adesso di ricostruire brevemente come si è arrivato allo scontro evidenziando le responsabilità.Il nord del Mali è, in realtà, due terzi del territorio nel quale vi sono risorse energetiche e minerarie preziose, come si è visto poco sopra. Ed oggi esso si sta forse trasformando in un avamposto di Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI). Negli scorsi mesi le autorità del Mali si rivolsero all’Ecowas (la Comunità economica dei paesi occidentali dell’Africa) chiedendo che fossero africane le truppe militari che dovevano intervenire in una operazione di pacificazione. E questa è una strategia che aveva avuto positive risposte in passato, ad esempio in Sierra Leone. L’Onu dichiarò che questo poteva avvenire solo con il via libera del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Il Mali allora lo sollecitò ma il Consiglio di Sicurezza la respinse perché necessitava di più tempo per analizzare la situazione. La verità è che l’Europa, Francia in primis, non voleva che la situazione fosse gestita solo dai paesi africani (troppo importanti, abbiamo già detto, sono ad esempio gli sfruttamenti di gas francesi in Niger che è separato dal Mali da una riga tracciata criminalmente sulla carta geografica dalle potenze coloniali al momento della spartizione del continente) e, infatti, è stato solo dopo che il Mali ha cercato l’aiuto della Commissione Europea, e che il segretario dell’Onu nominasse Romano Prodi suo Inviato speciale per la regione del Sahel, che il Consiglio di Sicurezza Onu ha dato il proprio parere positivo a lavorare per un via libera alla missione di paesi africani come forza di interposizione in Mali. Ma per Parigi era impensabile che fossero solo i paesi africani della missione Onu a risolvere le questioni maliane senza una “cabina di regia” europea (leggi francese).In ogni caso a dicembre il Consiglio di Sicurezza aveva dato altri 45 giorni di tempo per preparare la missione militare in Mali. Ma i francesi, sulla scia dell’esempio statunitense, per difendere i propri interessi economici nell’area hanno deciso di dare il via alle operazioni militari, con il sostegno della Nato, senza nessuna autorizzazione dell’Onu, bombardando le postazioni dei ribelli nel Nord del paese e inviando truppe di terra. Una guerra per riaffermare la propria “sovranità” in quella che venne definita la “Francafrique” e che ha il sostegno del 65% dei cittadini francesi e anche del clero del Mali, che si è schierato con la Francia. Anche se altri settori della chiesa cattolica, anche italiana, si sono apertamente espressi contro la guerra alimentando i dubbi circa le ragioni prettamente legate allo sfruttamento delle risorse energetiche che stanno alla base dell’intervento di stampo neocoloniale dei transalpini. E’ solo dopo l’intervento francese che anche il Consiglio di Sicurezza ha dato il via libera alla missione pacificatrice Onu composta da caschi blu africani; ma ormai l’intervento militare francese ha cambiato qualsiasi prospettiva di una pace che sarebbe stata difficile da realizzare ma che senza l’intervento militare era ancora possibile. Il governo maliano avrebbe potuto gestire la situazione se il contingente militare fosse stato quello che l’Onu aveva dichiarato essere: cioè di soli militari africani; mentre adesso dopo l’entrata in scena dei francesi tutto si è mortalmente complicato e la guerra sta diventando una guerra di guerriglia dove si combatte metro su metro e per la Francia il rischio di un Afghanistan si profila serio e concreto, oltre che di destabilizzazione dell’intera area. E, intanto, sono già oltre i 500.000 i maliani che sono fuggiti dalle loro case.Tutto questo mentre il governo italiano, in piena campagna elettorale e ormai a camere sciolte e legittimato a intervenire solo per motivi di ordinaria amministrazione, non ha esitato a coinvolgere il nostro paese in questa guerra per gli interessi francesi (fra le altre cose l’Eni è uscita dallo scenario maliano), calpestando ancora una volta la nostra carta costituzionale. Un governo che ha avuto il via libera dopo una telefonata intercorsa fra Monti e i segretari politici di Pd, Pdl e centristi cattolici che sostengono il governo e nel silenzio assordante della presidenza della repubblica, sempre molto attiva a intervenire nelle vicende politiche del paese, e che in questa occasione non ha nulla da eccepire. Una scelta questa del governo Monti che getta nuovo sgomento e disonore sulla parte migliore della società italiana che non si arrende alla distruzione dei valori della costituzione nata dalla Resistenza e vuole che sia la diplomazia l’unica vera arma per la risoluzione delle controversie internazionali.

Purtroppo, la ormai celebre frase di Karl von Clausewitz per cui “la guerra non è che la prosecuzione della politica con altri mezzi” ha preso di nuovo piena legittimità in occidente, ad iniziare dalla Prima guerra del Golfo voluta da George W. Bush e iniziata quel maledetto 17 gennaio del 1991 contro l’Iraq di Saddam Hussein, fino ad allora fedele alleato di Washington ma colpevole di aver osato troppo nei confronti del suo vecchio padrone a stelle e strisce invadendo il piccolo, ricchissimo, artificiale e medioevale Kuwait, cassaforte petrolifera degli Usa. Da quel momento il mondo non è stato più come quello che la mia generazione e quelle precedenti la mia avevano conosciuto, costruito con gli accordo della conferenza di pace di Yalta dove i paesi vincitori della Seconda guerra mondiale avevano disegnato un nuovo scenario in grado di assicurare lunghi decenni di pace. Ma questa è la tristissima realtà dei nostri anni.

fonte: http://www.marx21.it/internazionale/africa/21637-il-mali-e-il-sahel-campi-di-battaglia-di-una-nuova-guerra-fredda-molto-calda.html

Se ti è piaciuto questo post, clicca sul simbolo della moschina che trovi qui sotto per farlo conoscere alla rete grazie al portale Tze-tze, notizie dalla rete