resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘diseguaglianza’

Più tasse per i ricchi

In Da altri media on 29/10/2013 at 08:46

Ritoriamo su un argomento particolarmente importante di cui ci siamo occupati spesso nell’ultimo periodo (qui e qui, ad esempio), e cioe’ le tasse e la ricchezza individuale. Nel seguente pezzo, Saez e Picketty, due dei più noti studiosi dell’ineguaglianza, spiegano che è finalmente arrivata l’ora di aumentare le tasse per i ricchi. Negli ultimi 30 anni abbiamo visto due importanti fenomeni che hanno caratterizzato le nostre economie: le tasse per i ricchi sono diminuite, e i guadagni pre-tasse dei più ricchi sono aumentati, insieme, ovviamente alla diseguaglianza. La storia delle tasse sui ricchi è abbastanza nota, legata a Thatcher, Reagan e la famigerata curva di Laffer secondo cui tasse più basse per i ricchi avrebbero aumentato produttività, investimenti, crescita e dunque anche entrate fiscali. Una teoria senza nessuna base empirica, negata anche dai dati raccolti da Saez e Picketty. Che imputano dunque l’aumentata ricchezza del top 1% al comportamento predatorio di una ristretta classe di persone che fondamentalmente non rispondono a nessuno e si arricchisono a spese del restante 99%. E’ dunque ora di invertire questa rotta, soprattutto se vogliamo seriamente porre rimedio ai problemi di bilancio che assillano le economie occidentali e che sono per ora invece pagati dai più poveri mentre la diseguaglianza continua ad aumentare. Saez e Picketty, con studi rigorosi, hanno stabilito che la tassa marginale più appropriata per i più ricchi sia intorno all’80% – cosa per altro piuttosto comune nelle economie capitaliste del dopoguerra. Ecco, invece di sciocchezze varie, al congresso del PD si potrebbe ad esempio cominciare a parlare di queste cose.

WHY THE 1% SHOULD PAY TAXES AT 80%

di Saez e Picketty

da Guardian

In the United States, the share of total pre-tax income accruing to the top 1% has more than doubled, from less than 10% in the 1970s to over 20% today (pdf). A similar pattern is true of other English-speaking countries. Contrary to the widely-held view, however, globalisation and new technologies are not to blame. Other OECD countries, such as those in continental Europe, or Japan have seen far less concentration of income among the mega rich.

At the same time, top income tax rates on upper income earners have declined significantly since the 1970s in many OECD countries – again, particularly in English-speaking ones. For example, top marginal income tax rates in the United States or the United Kingdom were above 70% in the 1970s, before the Reagan and Thatcher revolutions drastically cut them by 40 percentage points within a decade.

At a time when most OECD countries face large deficits and debt burdens, a crucial public policy question is whether governments should tax high earners more. The potential tax revenue at stake is now very large.

For example, doubling the average US individual income tax rate on the top 1% income earners from the current 22.5% level to 45% would increase tax revenue by 2.7% of GDP per year – as much as letting all of the Bush tax cuts expire (only a small fraction of them lapsed in January 2013). But of course, this simple calculation is static: such a large increase in taxes may well affect the economic behaviour of the rich and the income they report pre-tax, the broader economy and, ultimately, the tax revenue generated. In recent research, we analyse this issue both conceptually and empirically using international evidence on top incomes and top tax rates since the 1970s.

There is a strong correlation between the reductions in top tax rates and the increases in top 1% pre-tax income shares, for the period from 1975-79 to 2004-08, across 18 OECD countries for which top income share information is available. For example, the United States experienced a 35 percentage-point reduction in its top income tax rate and a very large ten percentage-point increase in its top 1% pre-tax income share. By contrast, France or Germany saw very little change in their top tax rates and their top 1% income shares during the same period.

So, the evolution of top tax rates is a good predictor of changes in pre-tax income concentration. There are three scenarios to explain the strong response of top pre-tax incomes to top tax rates; each has very different policy implications.

First, higher top tax rates may discourage work effort and business creation among the most talented: the so-called supply-side effect. In this scenario, lower top tax rates would lead to more economic activity by the rich and hence more economic growth. If all the correlation of top income shares and top tax rates seen in the above data were due to such supply-side effects, the revenue-maximising top tax rate would be 57%. This would imply that the United States still has some leeway to increase taxes on the rich, but that the upper limit has already been reached in many European countries.

Second, higher top tax rates can increase tax avoidance. In that scenario, increasing top rates in a tax system riddled with loopholes and tax avoidance opportunities is not productive either. A better policy would be to first close loopholes so as to eliminate most tax avoidance opportunities, and only then increase top tax rates. With sufficient political will and international co-operation to enforce taxes, it is possible to eliminate most tax avoidance opportunities, which are well documented. Then, with a broad tax base offering no significant avoidance opportunities, only real supply-side responses would limit how high top tax rate can be set before becoming counter-productive.

In the third scenario, while standard economic models assume that pay reflects productivity, there are strong reasons to be sceptical, especially at the top of the income distribution where the actual economic contribution of managers working in complex organisations is particularly difficult to measure. Here, top earners might be able to partly set their own pay by bargaining harder or influencing compensation committees.

Naturally, the incentives for such “rent-seeking” are much stronger when top tax rates are low. In this scenario, cuts in top tax rates can still increase top income shares, but the increases in top 1% incomes now come at the expense of the remaining 99%. In other words, top rate cuts stimulate rent-seeking at the top but not overall economic growth – the key difference with the first, supply-side, scenario.

To tell these various scenarios apart, we need to analyse to what extent top tax rate cuts lead to higher economic growth. Again, data show that there is no correlation between cuts in top tax rates and average annual real GDP-per-capita growth since the 1970s. For example, countries that made large cuts in top tax rates, such as the United Kingdom or the United States, have not grown significantly faster than countries that did not, such as Germany or Denmark.

What that tells us is that a substantial fraction of the response of pre-tax top incomes to top tax rates may be due to increased rent-seeking at the top (that is, scenario three), rather than increased productive effort.

Naturally, cross-country comparisons are bound to be fragile; exact results vary with the specification, years, and countries. But the bottom line is that rich countries have all grown at roughly the same rate over the past 30 years – in spite of huge variations in tax policies. By our calculations about the response of top earners to top tax rate cuts being due in part to increased rent-seeking behaviour and in part to increased productive work, we find that the top tax rate could potentially be set as high as 83% (as opposed to the 57% allowed by the pure supply-side model).

Until the 1970s, policy-makers and public opinion probably considered – rightly or wrongly – that at the very top of the income ladder, pay increases reflected mostly greed rather than productive work effort. This is why governments were able to set marginal tax rates as high as 80% in the US and the UK. The Reagan/Thatcher revolution has succeeded in making such top tax rate levels “unthinkable” since then.

Now, however, we have seen decades of increasing income concentration that have brought about mediocre growth since the 1970s. And with the Great Recession that was triggered by financial sector excesses, a rethink of the Reagan and Thatcher revolutions is underway.

The United Kingdom increased its top income tax rate from 40% to 50% in 2010, in part to curb top pay excesses. In the United States, the Occupy Wall Street movement and its famous “We are the 99%” slogan also reflects a view that the top 1% has gained at the expense of the 99% – a view endorsed by our findings about the highly unequal distribution of income gains during the recovery.

In the end, the future of top tax rates depends on what the public believes about whether top pay fairly reflects productivity or whether top pay, rather unfairly, arises from rent-seeking. With higher income concentration, top earners have more economic resources to influence both social beliefs (through thinktanks and media) and policies (through lobbying), thereby creating some “reverse causality” between income inequality, perceptions, and policies.

The job of economists should be to make a top rate tax level of 80% at least “thinkable” again.

leggi anche

Tassare i ricchi per ridurre il debito

Obama e la ripresa economica per i ricchi

Tassare i ricchi per ridurre il debito

In Editoriali on 18/10/2013 at 10:00

di Nicola Melloni

da Liberazione

Non lo diciamo solo noi, lo dice anche il Fondo Monetario Internazionale, in una recente pubblicazione riportata con un mini articolo sul Corriere della Sera on line. Il Fondo fa una desamina piuttosto lunga ed articolata, partendo da una considerazione che potremmo definire di buon senso: la strategia messa in atto finora per ridurre il debito non ha ovviamente funzionato. I deficit di bilancio si stanno riducendo, è vero, ma assai più lentamente che ipotizzato inizialmente. Come più volte spiegato, i modelli economici con cui si era calcolato l’impatto dell’austerity erano fallati e non tenevano conto della forte spinta recessiva che le politiche pro-cicliche dei governi avrebbero comportato, con la conseguente riduzione delle entrate fiscali. Nel frattempo, proprio a causa dello stato comatoso dell’economia reale, il livello del debito non accenna a scendere, tutt’altro: in Italia nei prossimi due anni si arriverà ad un debito di quasi il 135%, mentre la Spagna, tanto per fare un esempio, passerà dall’85% del PIL a quasi il 100%. La prova provata del fallimento dell’austerity. Nulla di nuovo.

Quello che però attira maggiore interesse è la proposta del Fondo di intraprendere altre strade, essendo ormai chiaro che non si può davvero pensare di diminuire il debito a colpi di tasse e tagli, il bagno di sangue visto finora. Il debito però deve essere attaccato, questo è chiaro, dati gli enormi costi per la collettività. Ma si deve ribaltare la logica dell’austerity: non più ridurre il debito per far ripartire la crescita, quanto invece far ripartire la crescita per ridurre il debito. Di conseguenza bisogna trovare una strada per consolidare il bilancio pubblico senza mettere a rischio la crescita. Ed anche i liberali del Fondo non hanno timore a parlare di tasse più alte e non solo, come sempre si fa dalle nostre parti, di riduzione delle imposte. Il punto, naturalmente, è chi deve pagare di più e pagare di meno, e ci sono naturalmente questioni di efficienza ed etica che si intrecciano e, a volte, si contraddicono. I tipi di tasse sono essenzialmente quattro, sulle imprese, sul reddito, sui consumi e sulla ricchezza. Dove è meglio intervenire, dunque? Tassare le imprese è, ovviamente, rischioso: in un mondo con piena mobilità dei capitali, sarebbe facile per molte imprese spostarsi in cerca di regimi fiscali più convenienti. Questo però non dovrebbe scoraggiarci. Quello che serve in realtà è accrescere la cooperazione tra Stati, a maggior ragione se partner economici e politici come i membri dell’Unione Europea. E’ uno scandalo che paesi come l’Olanda e l’Irlanda facciano a gara per ospitare grandi multinazionali che eludono così le tasse nel resto d’Europa creando una sede più che altro fittizia in paesi che fanno competizione attraverso dumping fiscale. Cosa che non danneggia solo le nostre finanze pubbliche, ma anche la competitività dei mercati, favorendo le grandi multinazionali contro le piccole imprese che non riescono con altrettanta facilità ad eludere le tasse o a delocalizzare. In questo campo dunque si può agire, ma farlo da soli rischierebbe di essere pericoloso.

Volgiamo allora lo sguardo altrove, ed in particolare alla tassazione su consumo e reddito, due strumenti che sono agli antipodi di politica economica. Come ben sappiamo le tasse sul consumo in questi anni sono aumentati praticamente in tutta Europa, uno degli strumenti principali dell’austerity. Ma più in generale, il Fmi fa notare come negli ultimi 30 anni una larga parte del carico fiscale si sia spostato dalle imposte dirette – sui redditi – a quelle indirette, sui consumi, invertendo dunque il trend di progressività fiscale che era stato il supporto centrale del capitalismo democratico. Il tutto accompagnato da un notevole abbassamento delle aliquote sui redditi più alti. E’ proprio qui, allora che bisognerebbe intervenire per cercare di conciliare le logiche di bilancio ed il tema centrale del capitalismo contemporaneo, la diseguaglianza. Alzare le tasse sui redditi più elevati renderebbe più equo ma anche più efficiente la nostra economia. Nell’America del dopoguerra – non proprio un paese socialista – la tassa sull’ultimo scaglione di reddito raggiungeva il 90%, ma anche senza arrivare a questi livelli si potrebbe riportarla ora al 60%, un aumento deciso ma non drammatico rispetto alla tassazione che si aggira tra il 40 ed il 50% in quasi tutti i paesi europei. Intervenendo semplicemente sull’1% più ricco si porterebbero a casa qualche miliardo di euro, utili per esigenze di bilancio e per ridurre la diseguaglianza galoppante. Ancora di più, però, si potrebbe fare tassando la ricchezza, che è ancora peggio distribuita del reddito, basti pensare che in Italia la ricchezza netta nelle mani del 10% più ricco è oltre il 50% del totale contro appena il 10 del 50% più povero (e peggio ancora va negli Stati Uniti, dove la porzione di ricchezza del decimo più ricco della popolazione raggiunge il 75%). Per quanto riguarda quella finanziaria, il discorso è simile a quello precedente, si richiede una rafforzata cooperazione tra gli stati così da evitare massicce fughe di capitale verso paesi a tassazione ridotta. Ma il Fondo suggerisce altri strumenti. Prima di tutto la tassa di successione, uno dei maggiori scandali italiani e, non a sorpresa, cavallo di battaglia di Berlusconi&C. La tassa di successione è uno dei fondamenti del liberalismo, non del socialismo, ma in Italia tutto questo appare estraneo al sentire comune: lo scopo di tale tassa è, in realtà, di dare a tutti le stesse opportunità ed aumentare la mobilità sociale. Semplicemente aumentando la tassa ai livelli di altri paesi occidentali si potrebbe ricavare entrate per quasi mezzo punto di Pil, altri 7 miliardi di euro. Ancora meglio se si attaccasse la ricchezza netta delle fasce più ricche: una tassa dell’1% sul patrimonio del top 10% porterebbe nelle casse dello Stato un altro punto di Pil, o 15 miliardi di euro, e siamo già ad oltre 25 miliardi di euro raccolti con modeste tassazione sulla parte più ricca della popolazione, che tanto ha accumulato in questi decenni di vacche grasse, per loro. Altro che gli 11 miliardi della anemica manovra di Letta – e senza tagli sociali e con minimi effetti distorsivi sull’economia reale.

Infine, ed è in realtà l’unico punto sollevato dal Corriere, il Fondo si spinge oltre e si azzarda a suggerire una patrimoniale una tantum in grado di riportare il debito ai livelli precedenti la crisi. Gli economisti del Fmi ipotizzano una tassa di circa il 10% sui possessori di ricchezza netta positiva, cosa che in Italia andrebbe naturalmente rimodulata per evitare una tassa impagabile per molte famiglie di classe media, possessori di casa ma senza la liquidità e la reddittività necessaria per pagare tale tassa. Ci sembra però un’ottima notizia che anche a Washington cominci ad andare di moda la parola patrimoniale. Come ben spiegato dal Fmi non si tratta di nulla di nuovo o rivoluzionario, ma anzi di un espediente già usato in passato per ridurre debiti troppo grandi. Una via certo non facile ma, in fondo, logica: i soldi vanno cercati nelle tasche di chi ce li ha.

Obama e la ripresa economica per i ricchi

In Capitalismo on 12/09/2013 at 09:10

Obama era stato eletto nel 2008, nel pieno della bufera finanziaria, con la grande speranza che in America si aprisse finalmente un New Deal che lasciasse alle spalle le follie di 30 anni di neoliberismo selvaggio che avevano portato al collasso finanziario.

In una America profondamente divisa, Obama era il sogno di una società finalmente integrata, non solo neri e bianchi, ma ricchi e poveri. La riforma sanitaria era il simbolo ovvio di questo progetto, un embrione di welfare a favore dei meno abbienti finanziato dalla fiscalità generale. Ed invece, ecco quello che è successo

saez

 

Questo grafico – di Saez e Piketty (2013) – ci svela un dinamica dei redditi quasi incredibile. Nel periodo di ripresa economica, tra il 2009 ed il 2012,  l’1% più ricco della popolazione si è preso il 95% della crescita prodotta. Il 95%!! Lasciando al restante 99% le briciole. Quello che è successo sotto la presidenta Obama travolge le già indecorose statistiche dei due mandati precedenti, quando con Clinton e Bush i plutocrati americani si erano incamerati il 45 ed 65% della ricchezza prodotta. Da notare che le perdite subite dal top 1% durante la recessione erano state consistenti ma notevolmente minori in termini percentuali (il 49%).

Al 2012, il 10% più ricco della popolazione americana controlla oltre il 50% del reddito nazionale, la % più alta da quando esistono le serie storiche in proposito (il 1917, nientemeno). Insomma, il trend della diseguaglianza non è stato minimamente scalfito dalla grande crisi, anzi, ne è uscito rinforzato. Nessun New Deal all’orizzonte ma una corsa sfrenata verso la plutocrazia.

I padroni del vapore

In Capitalismo on 16/06/2013 at 09:07

 

 

Il grafico qui sopra si commenta da solo – rappresenta semplicemente i giorni di lavoro necessari per un impiegato dal salario medio ed un impiegato dal salario basso per guadagnare tanto quanto il top managment fa in un ora. In Norvegia, meno di 5 giorni in entrambi i casi, in Romania ci vuole un intero mese per il lavoratore più povero e una dozzina di giorni per il lavoratore medio.

L’Italia, in questa graduatoria, non sta tanto bene, il peggior performer nell’Europa occidentale dopo la Spagna, quasi 10 giorni per un lavoratore con un salario medio, due settimane per i lavoratori più poveri. Lo ripetiamo, per guadagnare tanto quanto il Marchionne di turno fa in un ora. Però di tutto questo non si parla, il governo Letta deve essersi dimenticato del problema della diseguaglianza. Tant’è che la prossima misura prevista è il rincaro dell’IVA, cioè una tassa che colpisce indiscriminatamente tutti i consumatori, e dunque, non avendo nessun elemento progressivo si fa sentire di più nelle tasche dei più poveri.

Che poi sia il PD a sostenere la necessità dell’aumento mentre il PDL sia quello che si oppone dice tutto sul livello del dibattito politico italiano.