resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘Diritti’

Spagna, legge sull’aborto: orrore di donna e di cittadina

In Fin de parti(e) on 20/12/2013 at 23:40

Di @MonicaRBedana

È un pungolo infilzato nel ventre quel che ho sentito alla notizia dell’approvazione della nuova legge sull’aborto del Governo Rajoy. Un male fisico.

Perfino il nome della legge, di “Protezione dei diritti del Concepito e della Donna Incinta”, è pacchiano; soprattutto in un Paese che i diritti se li è visti ammazzare tutti negli ultimi cinque anni. È un bagno caldo di dittatura franchista, un sostanziale ritorno alla legge del 1985: l’aborto per le donne non è più un diritto ed è consentito solo in caso di violenza sessuale e di rischio estremo per la vita della madre. In caso di malformazione del feto, invece, l’aborto sarà consentito solo se la malformazione è tale da essere “incompatibile con la vita”. Le minorenni torneranno ad abortire se lo vorranno i genitori e tutto il personale medico potrà esercitare l’obiezione di coscienza.

È una legge che affonda ulteriormente la lama del bisturi nella carne viva della disuguaglianza: i ricchi, che spesso sono anche quei falsi moralisti che votano PP alle elezioni, prenderanno un aereo e andranno ad abortire in ottime cliniche all’estero, come ai tempi di Franco. I poveri, bestie clandestine come certi immigrati dei CIE, si faranno ammazzare le viscere dalle mammane.

È una legge che obbliga le donne a mettere al mondo figli discapacitati proprio quando lo stesso Governo che l’ha promulgata toglie gli aiuti alla discapacità e alle famiglie in nome del patto di stabilità.

È l’ennesima prova dello scollamento assoluto di chi ci governa dalla realtà sociale del Paese; anzi, è l’evidenza che ci governano contro, che ci governano addosso. Provo orrore di donna a sentirmi dire che non sono più libera nel mio corpo. Ma, forse prima ancora, provo orrore di cittadina.

Annunci

Chi tutela i lavoratori dello spettacolo?

In Da altri media on 17/12/2013 at 14:30

di Simone Rossi

Ogni giorno sui nostri mezzi di comunicazione siamo invasi dalle immagini e dai suoni della società dello spettacolo. Cantanti ed attori sono conosciuti ed idolatrati da milioni di persone sul pianeta, mentre rimangono nell’ombra le migliaia di persone che con il proprio lavoro contribuiscono alla buona riuscita dei loro spettacoli: coreografi, costumisti, ballerini, vocalisti, registi… Tutti lavoratori, spesso sottoposti a ritmi serrati o esclusi dalle norme che tutelano la salute e garantiscono una protezione sociale. Sul quotidiano statunitense The Nation é recentemente apparso un articolo che narra della vicenda dei ballerini di supporto allo spettacolo del cantante Justin Timberlake che dopo mesi di lotta e di negoziati sono riusciti ad ottenere migliori condizioni contrattuali, inclusa la copertura sanitaria privata e quella previdenziale. Un risultato ottenuto grazie alla pertinancia di questi giovani lavoratori ed al sostegno dato alla loro lotta da alcune migliaia di cittadini e che potrebbe essere un apripista per la definizione di un contratto di categoria.

Riporto l’articolo di seguito.

Justin Timberlake’s Union Tour

Di Jessica Weisbergon

Da The Nation

Dana Wilson, a back-up dancer on Justin Timberlake’s 20/20 Experience World Tour, moved to Los Angeles from Aurora, Colorado, when she was 18. She’s in her mid-20s now and has started to think about her pension. Tours like Timberlake’s can go on for months, even years, and backup dancers typically lose their SAAG-AFTRA union benefits while on the road.

Before the tour started, in November, Wilson and the other dancers decide to demand a union contract—a touring contract has existed since 2006, but no dancer has ever been covered by it (though back-up singers for James Taylor, Reba McEntire, Martina McBride, Blues Traveler, Josh Groban and Jefferson Starship have). “A few of us have healthcare and pension plans through a spouse, but we thought it was important for not just us but for dancers in the future,” said Wilson, whom I spoke to from the lobby of her hotel in Indianapolis. She had just checked out of her room and had an hour until she had to be at that evening’s venue, the name of which she could not remember. She performs four times a week, dancing on wood, metal and Plexiglas. “It’s virtually the same as dancing on concrete,” Wilson said. “It could take its toll.” There’s a moment in the show—she didn’t want to give away too many details—where the stage expands into the audience while the dancers are not secured. “I still get nervous,” Wilson said. “It’s not a situation that a normal worker would be put in.”

The negotiation took months and was nerve-wrecking at times. “Tours are very sought after jobs for dancers,” Wilson said. “But ultimately, what’s more important than having a cool job is being able to work for a long, long time.” She had also performed in Timberlake’s Future Sex/Love Show tour, in 2007, and was worried that her activism might create friction with her old boss. “On tour, you’re a close family, you don’t ever want to be a thorn in anyone’s side or be ruffling feathers,” Wilson said, “but at a certain point it is really worth it to ruffle a few feathers.” The six back-up dancers had support from the wider community; at the peak of their negotiations, they hosted an event at the Avalon club in LA that more than 1,000 people attended. “I heard the applause that night and I knew we weren’t in trouble and we were in the right place at the right time to make a change,” Wilson said.

Timberlake’s management eventually agreed (“They were all decorum and business,” Wilson said.) Timberlake, she says, “has become such a hero in the dance world.” Randy Himes, who works for the union and helped organize the dancers, is hoping to make the 20/20 Experience World Tour contract an industry standard. In 2012, Wilson and Himes, along with other members of the Dancer’s Alliance, successfully negotiated a union contract for dancers in music videos; it was the Alliance’s first campaign, though the organization has been around for more than twenty years, and culminated in a flash-mob outside Sony’s office to Aretha Franklin’s “Respect” and two long days of heated discussion with record executives until an agreement was reached at 1:30am.

There are some basic challenges to organizing dancers. They are a motley crew—some are classically trained, others learn on the street—and convincing professional dancers that they are all in the same field has been a challenge for the Dancer’s Alliance. They’re also young and driven, and not necessarily thinking about retirement, or even life after 30. “The average age of a dancer has to be early 20s, at that age you really feel invincible,” Wilson said. “It’s a passion so we don’t care if our knees hurt or our feet are bleeding.”

“We’re trying to get young people taking responsibility for being business professionals,” said Himes. “Helping artists step up and get respect for what they do.”

Studenti o clienti? Fare soldi col diritto allo studio

In Da altri media on 31/08/2013 at 17:12

Inizia il nuovo anno accademico, e continuiamo ad occuparci di Università. Oggi i riflettori sono su Sidney, il cui ateneo è in stato di agitazione. Il vice-cancelliere (il rettore) vuole imporre nuovi parametri, tra cui, incredibilmente, non vi è nessun riferimento esplicito alla libertà intellettuale e a pratiche anti-discriminatorie. Ma sono solo segnali di un trend più generale, un trend dove l’università non è più un luogo di istruzione, ma una business activity. Dove gli studenti sono clienti, e dove il personale docente viene sfruttato fino all’osso, abbassando di conseguenza il livello dei servizi. Basti pensare alla scandalosa pratica, ormai diffusissima in Italia come in Inghilterra, di assumere gli insegnanti a cottimo, pagandoli ad ora, per tappare i buchi nei corsi di laurea. E la conseguente divisione tra istituti che diventano diplomifici a basso costo da altri dove si forma seriamente lo studente e dove si produce cultura e ricerca. Con la consapevolezza che se l’Università italiana è ormai in stato moribondo, la media (e non, si badi bene, l’elite) degli atenei in altri paesi non è tanto migliore, anzi.

WHY IS SIDNEY UNIVERSITY ON STRIKE? BECAUSE STUDENTS ARE NOT OUR CLIENTS

di Nick Riemer

da Guardian

On Saturday, thousands of Year 12 students and their parents will visit Sydney University for Open Day, one of the many such exercises around the country. A full brace of marketing techniques will be deployed to convince would-be “clients” to choose Sydney’s “brand” over those of its “competitors”.

This year, however, will be different. At Sydney, the 2013 Open Day falls during the most intense industrial dispute on any Australian campus for generations. Visitors will be greeted by National Tertiary Education Union picket lines. Staff will distribute stickers and balloons highlighting the importance of decent pay and conditions for quality education, and ask students to join them over a barbecue to hear how degrading staff conditions will harm their studies.

The dispute at the university was triggered by management’s proposed enterprise agreement, the contract that governs work conditions at the university. Management wanted to strip away numerous clauses, including – incredibly – an explicit commitment to intellectual freedom and anti-discriminatory employment practices. It also sought to degrade pay, conditions and sick leave. My students this year have now lost six days of class to strikes.

Union members’ Open Day plans appear to have alarmed Sydney’s managers – more so, in fact, than the loss of lectures on the previous six strike days. Marketing now looms so large in administrators’ consciousness that threatened disruption to Open Day constitutes a greater crisis than more than a week of actually lost classes.

There is certainly a role for some kind of modest open day at universities, especially less well known ones. But there was a time when no university felt the need to engage in any of the hoopla of today’s marketing extravaganzas. The fact they now do is a consequence of the intensely commodified environment which higher education has – often willingly – entered.

This commodification is just one facet of the disastrous hijacking of universities by corporate interests and ideology. It might have been hoped that senior academics would show some critical distance from the corporate shibboleths of our age. Far from it: vice-chancellors and their deputies now enthusiastically enact the values of competition, league-tables, performance indicators and similar managerial fetishes with all the fervour of recent converts.

Students, correspondingly, are increasingly encouraged to view their education as a commercial transaction, and themselves as clients. Except that they’re getting an increasingly shoddy deal, with cost-cutting bringing reductions in the number of course offerings and increases in casually employed teaching staff – a trend the union’s current campaign has successfully opposed, in the face of strenuous management resistance.

No clearer symbol of students’ reinterpretation as clients could be asked for than the remarkable transformation of the Sydney University student card. As an undergraduate in the 1990s, I witnessed its evolution from a laminated sheet of cardboard to a plastic photo-ID. These days, the student card can come as ANZ Visa cards with the university crest overlaid.

The extraordinary salaries and bonuses paid to vice-chancellors and other upper managers – Sydney’s vice-chancellor, Michael Spence, earned almost $0.9m in 2012 – signal unequivocally that universities see their leaders not as scholars and intellectuals but as chief executives.

This university-as-business logic means not only turning students into clients, but also servicing them as cheaply as possible. That is directly reflected in the current dispute. Once inflation and the timing of the enterprise agreement are taken into account, Sydney management is offering a pay cut in real terms to the staff who teach students and run libraries, faculty offices and labs. At the same time as they receive extravagant bonuses and increase student numbers, Sydney’s senior managers want to leave staff worse off.

The issue is far from one just about personal financial circumstances: it concerns the institution’s priorities and the value it places on the day-to-day work of its staff.

Conceding a pay-cut now, in a context of intensifying work and from a management itself living high on the hog, will set a dangerous precedent, signalling that staff will accept their work simply being devalued. Management claim that there is no leeway in the budget to avoid cutting pay. That just means that a fair and modest pay rise is their lowest priority. Sydney is among the world’s most expensive cities, and staff are always being asked to work harder. The NSW auditor general found in May that the university ran a $137m surplus in 2012, the year with the strongest revenue growth of the last five.

Taking student education seriously means not trying to get more for less. That argument should be obvious. Saturday’s Open Day will be the occasion for staff to directly tell prospective “clients” about why working conditions matter for quality learning.

Marchionne, il galateo e i diritti microbici

In a sinistra, Fin de parti(e) on 05/07/2013 at 10:27

marchionneDi @MonicaRBedana

In Italia c’è qualcuno che ben prima di JP Morgan ha deciso da tempo di liberarsi motu proprio di una Costituzione troppo socialista fendendo precisi colpi reazionari sul diritto alla rappresentazione in fabbrica, all’uguaglianza e alla solidarietà: Sergio Marchionne.

L’unica politica industriale praticata con rigore dall’AD è quella che continuamente si svolge nei tribunali contro la Fiom. La pura questione del lavoro all’interno di Fiat attende invece le calende greche di quei 20 miliardi di euro di investimento proclamati, per i quali in realtà l’azienda si è impegnata solo al 10%. Nel frattempo si appallottola come carta straccia da cestinare il principio dell’uguaglianza ed è la Corte Costituzionale a dover garantire tramite sentenza ciò che sta nella Costituzione e nella Natura.

Agli amanti smodati del galateo (quello altamente discriminatorio di Monsignor della Casa, ovviamente) che oggi criticano la Presidente della Camera per aver rifiutato un invito di Marchionne dopo averne accettato in passato uno di Fiom, va ricordato semplicemente questo:

– Che a Melfi dal febbraio 2011 tutti gli operai sono in cassa integrazione straordinaria fino a dicembre del 2014.
– Che a Pomigliano quasi la metà dei 5000 e passa lavoratori sta in cassa integrazione straordinaria, lavorando 2 settimane al mese
– Che a Mirafiori amministrativi e meccaniche vanno in cassa integrazione ordinaria 3 giorni al mese, mentre in carrozzeria e presse si lavora una settimana al mese (cassa integrazione straordinaria)
– Che a Termini Imerese c’è la cassa integrazione straordinaria a zero ore

Dipinti in questo quadro, diritti e pianificazione industriale non sono visibili manco se cercati col microscopio a scansione, in Fiat. Ben venga quindi la discriminazione positiva della Presidente Boldrini a favore del loro rispetto, anche a costo di maleducazione (ce n’è già tanta in questo Paese…ditelo a quell’incarnazione di politesse che è Giuliano Ferrara).E magari la Presidente la vorremmo altrettanto incisiva quando si tratta di rivendicare la sovranità del parlamento di fronte all’agire di un Presidente della Repubblica ormai di fatto alla francese.

(Un grazie per i dati da Resistenza Internazionale all’indefesso, imprescindibile ed insostituibile lavoro sul lavoro dell’ Isola dei cassintegrati. Il mio ringraziamento personale @marconurra , cordone ombelicale con la Madrid che amo).

Aborto: la vittoria mutilata della senatrice Davis

In Fin de parti(e) on 26/06/2013 at 16:16

Immagine

Di @MonicaRBedana

Costretta a fare un discorso lungo 13 ore, in piedi, diritta, senza appoggiarsi, bere, mangiare o fare pipì; questo, nel Parlamento del Texas, di uno stato democratico, non di una repubblica delle banane o di qualche dittatura ai confini del mondo, ha dovuto escogitare la senatrice democratica Wendy Davis per far slittare oltre la mezzanotte, rendendola nulla, la votazione finale di un decreto legge fortemente limitativo del diritto all’aborto. Uno stratagemma che ha scongiurato solo temporaneamente l’approvazione del decreto; una battaglia (campale) vinta, non certo la guerra.

Barriere, paletti, ostacoli che molti governi occidentali del XXI secolo seminano o rafforzano lungo il percorso delle donne a diventare finalmente padrone del proprio corpo. Penso all’America, che dopo il Texas vedrà il North Dakota ad affrontare un provvedimento simile; alla Spagna, dove il governo conservatore di Rajoy spegne, con la modifica sostanziale della legge sull’aborto, quella luminosa stagione dei diritti che fu punto di riferimento per tutta l’Europa; all’Italia, col 90% e oltre di obiezione di coscienza in alcune regioni, province intere in cui è impossibile abortire legalmente, gli aborti illegali che potrebbero essere il doppio dei circa 20.000 dei dati ufficiali, perchè questi non contano le donne immigrate, una discriminazione aggiunta alla loro condizione di clandestine.

Clandestine, illegali, finiremo per essere tutte se saremo ancora costrette, come le nostre madri, ad emigrare in Inghilterra, in Francia, in Svizzera per decidere di noi stesse. Clandestine e illegali ci fa sentire lo Stato quando ci abbandona per ore nelle strutture pubbliche perfino nei casi di aborto terapeutico; nel nome di una difesa della vita che non conosce umanità, le gambe su quell’orrendo trespolo a penzolare giornate intere, esposta tutta la nostra dolorosissima intimità. E illegale è il contrabbando dei farmaci abortivi quando non vi si accede a cliccate sul mouse o non si dispone delle poche centinaia di euro necessari a pagare un intervento all’estero. Una lunghissima maratona di solitudine, violenza gratuita, emarginazione; per correrla non bastano le scarpe da ginnastica della senatrice Davis.