resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘democrazia’

Capitalismo contro democrazia

In Da altri media on 13/11/2013 at 09:34

Se ne parla poco, e si capisce anche il perchè. USA e UE stanno discutendo l’area di libero scambio, anche se lo scandalo NSA ha un pò raffredato gli ardori libero-scambisti. Ma ci sono motivi ben più importanti per opporsi a tale follia. Ad esempio, come racconta il Guardian (in Italia, quando?) una della clausole del Trattato sarebbe legata al meccanismo di risoluzione delle controversie tra Stato e imprese, già presente in diversi paesi. Un meccanismo per cui ogni compagnia privata potrà citare in giudizio uno Stato democratico che decida di modificare o imporre delle regole che, limitando alcune attività economiche, possano avere rilevanti conseguenze per cittadini, ambiente, cause di interesse pubblico. Esempi, come si vede qui sotto, ce ne sono già parecchi – per esempio El Salvador è stato citato da una compagnia privata perchè ha sospeso le attività di una miniera d’oro che inquinava della falde acquifere decisive per la sopravvivenza delle popolazioni locali.

Un altro, ennesimo e forse decisivo colpo, al potere degli Stati ma, soprattutto, all’esistenza di una vera democrazia.

THIS TRANSATLANTIC TRADE DEAL IS A FULL-FRONTAL ASSAULT TO DEMOCRACY

di George Monbiot

da Guardian

Remember that referendum about whether we should create a single market with the United States? You know, the one that asked whether corporations should have the power to strike down our laws? No, I don’t either. Mind you, I spent 10 minutes looking for my watch the other day before I realised I was wearing it. Forgetting about the referendum is another sign of ageing. Because there must have been one, mustn’t there? After all that agonising over whether or not we should stay in the European Union, the government wouldn’t cede our sovereignty to some shadowy, undemocratic body without consulting us. Would it?

The purpose of the Transatlantic Trade and Investment Partnership is to remove the regulatory differences between the US and European nations. I mentioned it a couple of weeks ago. But I left out the most important issue: the remarkable ability it would grant big business to sue the living daylights out of governments which try to defend their citizens. It would allow a secretive panel of corporate lawyers to overrule the will of parliament and destroy our legal protections. Yet the defenders of our sovereignty say nothing.

The mechanism through which this is achieved is known as investor-state dispute settlement. It’s already being used in many parts of the world to kill regulations protecting people and the living planet.

The Australian government, after massive debates in and out of parliament, decided that cigarettes should be sold in plain packets, marked only with shocking health warnings. The decision was validated by the Australian supreme court. But, using a trade agreement Australia struck with Hong Kong, the tobacco company Philip Morris has asked an offshore tribunal to award it a vast sum in compensation for the loss of what it calls its intellectual property.

During its financial crisis, and in response to public anger over rocketing charges, Argentina imposed a freeze on people’s energy and water bills (does this sound familiar?). It was sued by the international utility companies whose vast bills had prompted the government to act. For this and other such crimes, it has been forced to pay out over a billion dollars in compensation. In El Salvador, local communities managed at great cost (three campaigners were murdered) to persuade the government to refuse permission for a vast gold mine which threatened to contaminate their water supplies. A victory for democracy? Not for long, perhaps. The Canadian company which sought to dig the mine is now suing El Salvador for $315m – for the loss of its anticipated future profits.

In Canada, the courts revoked two patents owned by the American drugs firm Eli Lilly, on the grounds that the company had not produced enough evidence that they had the beneficial effects it claimed. Eli Lilly is now suing the Canadian government for $500m, and demanding that Canada’s patent laws are changed.

These companies (along with hundreds of others) are using the investor-state dispute rules embedded in trade treaties signed by the countries they are suing. The rules are enforced by panels which have none of the safeguards we expect in our own courts. The hearings are held in secret. The judges are corporate lawyers, many of whom work for companies of the kind whose cases they hear. Citizens and communities affected by their decisions have no legal standing. There is no right of appeal on the merits of the case. Yet they can overthrow the sovereignty of parliaments and the rulings of supreme courts.

You don’t believe it? Here’s what one of the judges on these tribunals says about his work. “When I wake up at night and think about arbitration, it never ceases to amaze me that sovereign states have agreed to investment arbitration at all … Three private individuals are entrusted with the power to review, without any restriction or appeal procedure, all actions of the government, all decisions of the courts, and all laws and regulations emanating from parliament.”

There are no corresponding rights for citizens. We can’t use these tribunals to demand better protections from corporate greed. As the Democracy Centre says, this is “a privatised justice system for global corporations”.

Even if these suits don’t succeed, they can exert a powerful chilling effect on legislation. One Canadian government official, speaking about the rules introduced by the North American Free Trade Agreement, remarked: “I’ve seen the letters from the New York and DC law firms coming up to the Canadian government on virtually every new environmental regulation and proposition in the last five years. They involved dry-cleaning chemicals, pharmaceuticals, pesticides, patent law. Virtually all of the new initiatives were targeted and most of them never saw the light of day.” Democracy, as a meaningful proposition, is impossible under these circumstances.

This is the system to which we will be subject if the transatlantic treaty goes ahead. The US and the European commission, both of which have been captured by the corporations they are supposed to regulate, are pressing for investor-state dispute resolution to be included in the agreement.

The commission justifies this policy by claiming that domestic courts don’t offer corporations sufficient protection because they “might be biased or lack independence”. Which courts is it talking about? Those of the US? Its own member states? It doesn’t say. In fact it fails to produce a single concrete example demonstrating the need for a new, extrajudicial system. It is precisely because our courts are generally not biased or lacking independence that the corporations want to bypass them. The EC seeks to replace open, accountable, sovereign courts with a closed, corrupt system riddled with conflicts of interest and arbitrary powers.

Investor-state rules could be used to smash any attempt to save the NHS from corporate control, to re-regulate the banks, to curb the greed of the energy companies, to renationalise the railways, to leave fossil fuels in the ground. These rules shut down democratic alternatives. They outlaw leftwing politics.

This is why there has been no attempt by the UK government to inform us about this monstrous assault on democracy, let alone consult us. This is why the Conservatives who huff and puff about sovereignty are silent. Wake up, people we’re being shafted.

Annunci

Detroit, il fallimento della democrazia americana

In Editoriali on 22/07/2013 at 07:04

di Nicola Melloni

da Liberazione

Si tratta del fallimento municipale più grande della storia, quello di Detroit. Un debito di quasi 18 miliardi di dollari frutto di un fallimento generalizzato di politiche pubbliche ed economiche. Una volta Motown era la quarta città americana per numero di abitanti e la capitale mondiale dell’automobile, con lavoratori ben pagati ed un tasso di disoccupazione simile a quello nazionale. In soli 13 anni però la percentuale dei disoccupati è triplicata mentre la città ha perso ¼ della popolazione – un trend questo ormai vecchio di decenni in cui Detroit è passata da 1.8 milioni a 700 mila abitanti.
La povertà dilaga mentre i ricchi hanno abbandonato l’area urbana, seguendo il classico processo di gentrificazione delle periferie tipico di molte città industriali americane. E così, per esempio, come riporta Robert Reich, ex ministro del lavoro dell’epoca Clinton, l’area della “grande Detroit”, comprese le sue periferie più ricche, ha un reddito pro-capite di 50 mila dollari annui, con punte di 150 mila dollari a Bloomfield Hills, una municipalità facente ancora parte dell’area metropolitana. A Detroit città, invece, il reddito medio è di appena 26 mila dollari.
In parole povere, il debito cittadino è finito fuori controllo proprio per il drastico crollo della ricchezza nella città dell’auto, con i ricchi che hanno abbandonato il centro, con conseguente impoverimento del tessuto urbano, crimini in continua crescita, servizi pubblici sempre peggiori e, appunto, debito incontrollabile. Il perfetto esempio di segregazione sociale – che in America è sempre anche razziale, con il centro “nero” e la periferia “bianca” – e dell’incapacità delle istituzioni politiche di tenere insieme le due americhe, i ricchi e i poveri, di dividere equamente guadagni e perdite, insomma di creare un contratto sociale che permetta la vita insieme delle diverse classi.
La risposta alla crisi economica della città è stata la richiesta di iniziare una procedura di fallimento, come se una città fosse una semplice compagnia privata di cui spartirsi le spoglie. Una sospensione della democrazia, nuovamente un prevalere delle logiche affaristiche su quelle politiche. Con obiettivi ben chiari da parte della business community, che ha spinto per la procedura di bancarotta: da una parte la vendita degli asset della città, dalla collezione d’arte stimata oltre 2.5 miliardi di dollari, agli animali dello zoo, al parco di Belle Isle; dall’altra la protezione dei creditori a tutto svantaggio di cittadini, lavoratori e pensionati che dovrebbero subire la maggior parte delle perdite. Il bersaglio grosso era il sistema pensionistico, garantito da una legge del Michigan e che si sperava di poter modificare per via giudiziaria, un colpo mortale allo stato democratico. Per il momento però è proprio su questo scoglio che si sono infrante le speranze della Corporate America di trasformare gli USA in una immensa impresa industriale dove i diritti degli azionisti vengono prima di quelli dei cittadini. Un giudice di Detroit ha bloccato il procedimento proprio perché violerebbe le leggi e la Costituzione del Michigan, andando a toccare prestazioni e servizi garantiti per legge. Ma il procedimento di bancarotta è già stato richiesto anche ad una corte federale che può dunque bypassare le leggi dello Stato del Michigan. Il tutto mentre la Casa Bianca, che proprio a Detroit aveva salvato dal fallimento GM e Chrysler assiste immobile allo smantellamento della democrazia americana.

Re Giorgio I salva Alfano (e Letta)

In politica on 18/07/2013 at 12:35

 

Non appena si sono sentiti i primi scriocchiolii della coalizione è subito tornato in campo prepotentemente il Presidente della Repubblica Napolitano. Anche se Presidente della Repubblica, mi pare, è un titolo che gli va un po stretto. Nell’ordinamento italiano il Presidente dovrebbe essere il garante dela Costituzione. Napolitano, invece, ha deciso di essere non solo il garante, ma addirittura il vero leader di un certo equilibrio politico.

Una sorta di misto tra Presidente, Premier e leader. Anzi un qualcosa di più, quasi un dictator da antica Roma che sospende l’ordine democratico per “salvare” la Repubblica da una crisi. Crisi che per Napolitano ha come unico sbocco la grande coalizione tra PD e PDL. Lo si era visto dopo la caduta di Berlusconi, e poi di nuovo dopo le elezioni, quando Napolitano aveva sabotato qualsiasi tentativo di maggioranze alternative.

Supplicato dal PD di ripetere il suo settennato, aveva accettato umiliando pubblicamente il Parlamento nel suo discorso di insediamento e ricattando i partiti. Decido io, voi ubbidite. E di nuovo non più tardi di qualche settimana fa aveva fatto arrivare un preoccupante messaggio al Parlamento, esautorato di fatto dalle sue competenze in materia di spesa e di controllo politico delle Forze Armate.

Ed ora, riportando fuori giustificazioni ormai vecchie di due anni (i mercati finanziari, le relazioni internazionali), Napolitano ha sostenuto che il governo deve vivere, a prescindere – in caso di caduta ci sarebbero “danni irrecuperabili”. In parole povere, la democrazia è più o meno sospesa per il durare della crisi, nessuno può pensare ad una fine del governo dato che proprio la governabilità è diventata la stella polare del nostro sistema politico. Il resto è sacrificabile. Per non lasciare spazio a dubbi, Napolitano ha poi calato il carico. L’affaire kazako è uno scandalo, ma il governo è stato efficiente, ha punito i funzionari colpevoli e tutto è a posto. Che questa sia la ricostruzione di Alfano, ormai palesemente falsa, conta poco. O anzi, conta moltissimo: Napolitano ha fatto sapere ai malpancisti del PD che la posizione di Alfano non può essere messa in discussione. Una violazione grossolana del diritto internazionale, una menzogna spudorata davanti al Parlamento, sostanzialmente un atto di tradimento della fiducia politica se non proprio della Costituzione è un fatto irrilevante per Napolitano, interessato solo al successo del suo processo politico.

Un ulteriore colpo inferto alla democrazia, un altro passo verso la dittura (romana?).

Crisi e democrazia

In Da altri media on 13/07/2013 at 11:15

Riportiamo di seguito la traduzione di un articolo apparso sul quotidiano portoghese Avante in merito all’attacco contro le strutture della partecipazione democratica da parte del Capitale. Un tema cui abbiamo dedicato spazio su questo blog in passato e che è fondamentale in questa fase di crisi sociale ed istituzionale in Italia e nel mondo.

Viviamo tempi oscuri in cui la natura sfruttatrice, repressiva ed aggressiva del capitalismo tende a manifestarsi in forme sempre più acute. Innanzitutto perché sono ancora vive le conseguenze delle sconfitte del socialismo sotto la violenta offensiva dell’imperialismo per recuperare le posizioni perse nel corso del XX secolo. In secondo luogo perché, nel quadro dell’approfondimento della crisi strutturale e sistemica, il sistema capitalista attraversa una crisi ciclica prolungata di sovrapproduzione e sovraccumulazione per la quale si vede una sola via di uscita: l’intensificazione dello sfruttamento dei lavoratori, la ricolonizzazione dei popoli della periferia capitalista, l’appropriazione ed la dilapidazione delle risorse naturali del pianeta. Ciò, al pari della centralizzazione e del concentramento del capitale favoriti dalla crisi stessa e della conseguente riduzione della base sociale del potere monopolista, può solamente portare all’acuizione delle contraddizioni di classe e nazionali, alla crescita della resistenza e della lotta popolare nel mondo intero, all’emergere di processi progressisti e rivoluzionari, come sta accadendo in America Latina.

Davanti a questa realtà minacciosa, le classi dominanti agitano lo spauracchio del “terrorismo” (che nel loro linguaggio assimilano a “estremismo”, “radicalismo” e “ribellione”), assumono misure di carattere securitario, intensificano la repressione, teorizzano sulla necessità di scambiare i diritti fondamentali conquistati duramente con la “sicurezza”e la “stabilità”. La brutale regressione sociale e civile che pretendono di imporre al mondo è incompatibile con l’esercizio di “liberal democrazia” rappresentato dalla loro dittatura di classe, ed i centri dell’imperialismo, che insistono con l’anticomunismo mentre analizzano l’avanzata di forze razziste e fasciste, elaborano e mettono in pratica una concezione dello “stato di diritto” di matrice borghese via via più muscolosa sul fronte interno e più arbitraria, aggressiva e criminale verso l’esterno che, traendo vantaggio dai progressi nelle scienze e nella tecnica, contiene una minaccia alla libertà senza precedenti. Le recenti rivelazioni dei meccanismi di spionaggio sofisticati utilizzati dalla nordamericana NSA con la collaborazione di Google, Microsoft, Apple ed altri colossi dei servizi in rete ci mettono in guardia dai pericoli cui sono esposti i cittadini ed i popoli del pianeta.

Pericoli che gli araldi del capitalismo ternano di nascondere se non addirittura di negare, ma che sono tanto più reali quanto più profonde sono le loro radici economiche. A fronte dell’inesorabile tenenza alla riduzione del saggio di profitto, della situazione di stagnazione e di recessione in cui si trovano le principali economie capitaliste e dell’evidente incapacità del sistema di fornire risposte ai problemi ed alle aspirazioni dei lavoratori e dei popoli, il grande capitale si prepara al peggio e gioca la carta della progressiva limitazione ed eliminazione delle libertà e dei diritti fondamentali. Lo stesso rafforzamento delle strutture e delle politiche sovranazionali determinato dall’internazionalizzazione del capitale, sottomettendo la sovranità di paesi come il Portogallo, può esser imposto solo per via coercitiva, cosa che è palese nel carattere progressivamente antidemocratico dell’Unione Europea e nell’insieme di misure dette di “sicurezza” per le quali assume crescente importanza l’integrazione con la NATO e con i servizi segreti statunitensi.

La nostra [del Partito Comunista Portoghese] lotta per una politica ed un governo patriottici e di sinistra, per il rifiuto del patto di aggressione e per la rottura del processo di integrazione capitalista europea è contemporaneamente una lotta internazionalista per la libertà e per la democrazia.

Il testo originale può essere consultato sul sito di Avante.

Labour Party. Fine della rappresentanza dei lavoratori?

In a sinistra, Internazionale, politica on 11/07/2013 at 07:14

di Simone Rossi
Nelle ultime settimane il Labour Party o Labour (Partito Laburista) è stato al centro di vicende che ne segneranno la natura stessa e che, qualunque sia l’esito, avranno un impatto nel medio periodo sulle sorti della sinistra britannica. In gioco è il rapporto tra il partito e le organizzazioni sindacali.
Il Labour fu fondato nel 1906 come strumento di rappresentanza politica dei sindacati e della classe lavoratrice in un sistema fino ad allora dominato da partiti che rappresentavano gli interessi della borghesia industriale e dell’aristocrazia terriera. Il legame tra Labour ed organizzazioni sindacali era mantenuto attraverso l’affiliazione automatica al partito degli iscritti ai sindacati e un fondo di sostegno al partito creato con parte le quote d’adesione ai sindacati. Tale automatismo nell’affiliazione sindacale fu modificato nel 1927 con una legge promossa dai Conservatori che dava agli aderenti ai sindacati la possibilità di rinunciarvi; ciononostante la partecipazione della classe lavoratrice sindacalizzata alla vita partitica non fu indebolita e sopravvisse alle politiche antisindacali attuate dal Primo Ministro Thatcher negli anni Ottanta. L’ascesa del New Labour e del suo leader Tony Blair negli anni Novanta comportò un ridimensionamento del peso dei sindacati a vantaggio della nomenclatura di partito e degli iscritti non appartenenti ai sindacati, senza però scindere il legame tra mondo del lavoro e Labour. Gli avvenimenti delle ultime settimane, però, potrebbero romperlo definitivamente.
La scintilla alla base dell’attuale crisi nel Labour sono state le elezioni suppletive nel collegio di Farkirk, cittadina nella Scozia centrale, dal cui processo di selezione del candidato sono stati esclusi un centinaio di iscritti tramite affiliazione sindacale sulla base di presunte irregolarità procedurali. La reazione del segretario di Unite, il più grosso sindacato per numero di aderenti, e l’avvio di un’indagine interna sulla vicenda sono stati il pretesto per una campagna antisindacale virulenta condotta tanto all’interno del Labour dalla desta facente capo al sempiterno Blair ed al think tank Progress, quanto all’esterno ad opera della stampa reazionaria e dei Conservatori, con il Primo Ministro Cameron che mercoledì della scorsa settimana ha accusato alla Camera dei Comuni il leader del Labour Ed Miliband di essere un burattino nelle mani di Unite, evidentemente scordandosi di essere egli stesso un burattino al soldo della finanza e del capitale industriale.
Sotto pressione dalla destra interna ed oggetto degli attacchi dal campo conservatore, Miliband è intervenuto martedì dichiarando di voler porre un termine all’affiliazione automatica degli aderenti ai sindacati e di privilegiare le iscrizioni individuali al partito. Dichiarando l’intento di modernizzare il partito e di renderlo più trasparente, Miliband preconizza la definitiva scissione del legame con le organizzazioni sindacali, senza ammetterlo, e l’introduzione di novità, come le primarie per la selezione dei candidati, che daranno più peso alle lobby ed agli individui facoltosi nella composizione della classe dirigente laburista e nella definizione della linea del partito. Se gli intenti del leader, e della destra interna, fossero messi in atto, si tratterebbe di una nuova sconfitta del movimento sindacale e verrebbe meno un importante strumento di partecipazione della classe lavoratrice organizzata alla politica istituzionale. Sarebbe un ulteriore asso verso quel sistema oligarchico ed antidemocratico di cui abbiamo scritto ampiamente in questo blog.