resistenzainternazionale

Posts Tagged ‘berlusconi’

Berlusconi tra giustizia e cultura

In Da altri media on 25/08/2013 at 09:17

Per quanto ancora Berlusconi inquinerà la vita politica italiana? Dopo la condanna, l’anomalia e l’eversione Berlusconiana hanno raggiunto i livelli predetti da Moretti nel Caimano. Eppure, invece di gridare allo scandalo, tanti cittadini e moltissimi commentatori ancora accorrono in difesa del delinquente. Tim Parks spiega questa paradossale situazione attraverso le lenti della storia della cultura italiana. Quella secondo cui non esistono uomini di Stato, ma solo capi fazione, in una storia collettiva in cui non esistono figure condivise, siano essere eroi o cattivi; quella per cui tutti siamo rei e quindi non possiamo indignarci; quella, infine, per cui la politica è comunque sporca e corrotta, e Berlusconi non è dunque peggio del resto.

 

Holding Italy Hostage
di Tim Parks
da NY Review of Books
Vote me out of jail, or I will bring the country down with me. This, essentially, is the message Silvio Berlusconi—four-time prime minister, owner of the country’s three main commercial TV channels, criminal defendant many times over—has just sent to the Italian government, one that clarifies at last the exact nature of what is at stake in Italy at the present moment: is this a modern state where the rule of law prevails or is it the fiefdom of an institutionalized outlaw? At present there is no way of saying which vision will carry the day.

After a dozen trials, many of which have gone through all three levels of Italian justice (primary trial, appeal, counter appeal), after making ad personam laws to have his crimes de-penalized, or using delaying tactics to have trials thrown out because the crimes alleged in them are time-barred, or facing guilty verdicts at one level and acquittals at another, Berlusconi has finally received a definitive and unappealable criminal sentence at the highest level, for tax fraud in the region of €7 million ($9 million) and for the creation of a slush fund of some €280 million ($375 million). Sentenced to four years in prison, he has benefited from a pardon aimed at emptying the country’s jails, which has reduced the sentence to one year—this despite the fact that, being over seventy, he will be allowed to serve his sentence at one of his various luxury homes. However, as an elected member of the senate, he enjoys immunity from arrest and cannot be forced into confinement until the senate approves his expulsion, a vote that could take place in September. He has now made it clear that if that vote goes against him he will bring the whole house down.

That Berlusconi can indeed cause havoc is evident. He runs, in a sense owns, one of the two large parties in the present coalition government, which is struggling to introduce major reforms to stop the now dramatic decline in the Italian economy and finally inspire some confidence among foreign investors. If Berlusconi withdraws his party from the coalition, as he has threatened, it seems unlikely that another government could be formed with the present hung parliament. That would mean new elections, based on an electoral law (brought in by Berlusconi himself in 2005) almost guaranteed to create another hung parliament. The fear is that such an outcome will paralyze the country, taking Italy straight back to where it was two years ago, when pressure from financial markets seemed on the point of forcing it to seek an EU bailout or consider immediate exit from the euro. At present about 40 percent of the country’s young people are unemployed, while manufacturing output is 26 percent below its 2007 level.

If Nixon had refused to accept impeachment and had tried somehow to hang on to power, he would have been summarily removed. The same goes for any leader in Europe’s main democracies. Most will step down at the first sign of a serious criminal charge against them, aware that their parties will not support someone who damages their cause. The truly disquieting aspect of the present situation in Italy is not so much Berlusconi’s brazenness, but that his blackmail is possible and credible, that he has such complete control over such a large political party, and that he still commands considerable popular support. Astonishing as it may seem to those not familiar with the country, even serious newspapers and respectable commentators seem reluctant to insist on the enforcement of law, rarely mentioning the details of his crimes and actually giving credence to the argument that removing Berlusconi from the political scene would amount to disenfranchising the millions of voters who supported him at the previous election, as if there was no autonomous party in parliament to represent their views, as if they were not free to choose another leader before the next election.

How did this come about?

The character of Berlusconi himself is one reason. The man is charming, charismatic, persuasive, and ruthless. His dominant media empire acts as a megaphone for those qualities, allowing him constantly to shape the national debate. During his years in government, he made key appointments in the public news networks to consolidate that power, and his financial resources are such as to intimidate even those outside his immediate area of influence. Quite simply he monopolizes the headlines, and his opinions always appear first. His opponents are largely seen through the distorting mirror of the media he controls: if those opponents try to attack him, they are presented as Berlusconi-obsessed, and if they denounce his misdemeanors, they are accused of trying to defeat him in the courts rather than through the ballot box, a sign of weakness. This huge conflict of interests and the timidity with which Italian society has responded to it has never been properly addressed and remains as little spoken about as the crimes Berlusconi is accused of.

Yet none of these reasons, whether taken separately or together, would in themselves be sufficient to permit Berlusconi to hold a nation in thrall for so long were there not something in Italian culture that predisposes people to be charmed, enchanted, persuaded, and above all intimidated—ready, in short, to believe Berlusconi’s promises or accept his presence as inevitable, in the same way they have accepted a corrupt elite for so long.

The success of Berlusconi is thus not a blip or an anomaly, but goes to the heart of Italian culture, and reveals the widespread disbelief in Italy that politics could ever be cleaned up or made remotely fair. So Berlusconi’s insistence that the criminal charges against him are merely trumped up by his enemies finds fertile territory; even those who oppose him are willing to assume that an element of persecution is involved, as if what mattered were not his guilt but the spirit in which the investigation is carried out, since every politician is presumed guilty one way or another and it’s common credence that no action on any side of the political spectrum is ever genuinely undertaken with the public interest at heart. Many people are actually rather comfortable with this state of affairs insofar as it justifies their own small misdemeanors and tax evasions. Hence, if the judiciary prevails and Berlusconi is excluded from political life, millions of Italians will see this not as the affirmation of a rule of law (something that might make life more challenging for everybody), but simply as one battle won by the other side. In short, the polarities good/evil, moral/immoral, or even effective/ineffective around which we suppose that politicians should be assessed and judged are always subordinate in Italy to the overriding question of winning or losing, which is absolutely the only thing that matters. And Berlusconi has always presented himself, above all, as a winner.

Remarking on Italian customs in 1826, the poet Giacomo Leopardi reflected that no Italian was ever wholeheartedly admired or condemned but always had both supporters and detractors even after death. This is certainly true, running through the heroes and villains of Italian life from Mazzini, Garibaldi, and Cavour, through Mussolini to Craxi, Andreotti, and Berlusconi. Garibaldi still has his vociferous detractors, and Mussolini his strident supporters. Leopardi’s perception was that Italians find it difficult to imagine a leader as more than the leader of a faction or particular interest group, and hence will not change their opinion of him whatever the consequences of his leadership. Certainly, during his years in government, Berlusconi presided over the country’s economic decline, yet his support remains fairly constant; because a certain constituency believes he carries their battle to an old enemy, his crimes and failures are irrelevant.

So when the wise columnists in some of the country’s most respected newspapers suggest that it might be expedient to save Berlusconi and rescue the government, what they are doing is accepting the age-old intuition that politics will always be corrupt and that there are other, more serious things to worry about. If Berlusconi is spared imprisonment, even at home, and allowed to continue in politics, the perception that a political leader is more a feudal lord than an ordinary citizen will be absolutely confirmed, and there will be no chance of shifting Italian attitudes for many years to come.

Annunci

Per Berlusconi una sentenza politica?

In politica on 31/07/2013 at 06:33

 

Finirà, forse, con una condanna che accontenta tutti. Si è riusciti a trovare la quadra dell’intricata vicenda Berlusconi, blindando il governo e facendo contento il Presidente Napolitano, per altro capo della magistratura, anche se la nostra è solo una illazione un pò calunniosa e un pò faceta.

E dunque, quale è stata la trovata geniale che rinforza la maggioranza e garantisce stabilità? Una condanna di Berlusconi con interdizione a 2 o 3 anni. Semplice semplice. 5 anni sarebbero stati troppi, più della durata possibile del governo, ed alle prossime elezioni B. neanche si sarebbe potuto candidare, senza neppure considerare all’età non proprio verdissima del nostro eroe. Con una condanna più breve, invece, Berlusconi se ne va dal Senato per 24 mesi, tanto non è certo nelle aule parlamentari che è necessario – anzi, avrebbe pure più tempo per riposare e dedicarsi ai suoi spensierati passatempi. Il PDL a quel punto giurerebbe fedeltà al governo, diventando più realista del re (Giorgio). Alle elezioni non si potrebbe andare finchè Berlusconi resta ineleggebile, pena altrimenti una campagna elettorale guidata da Alfano e Verdini con risultati in bilico tra il ridicolo e il disastroso.

Una manna per il PD. Uno potrebbe pensare, sarebbe il momento buono per far cadere il governo, o almeno forzare la mano, cercare di spostare a sinistra l’asse dell’esecutivo aprofittando del momento di difficoltà dell’avversario. Ma no, non sarà così, tutt’altro. Il PD è partito responsabile, già lo sappiamo. E poi, la blindatura del governo rappresenterebbe un ottima cosa per i maggiorenti del partito – si potrebbe finalmente depotenziare Renzi, lasciandolo per 2-3 anni ancora a Firenze, mettendolo in congelatore aspettando che vada in scadenza.

Tutti, o quasi, contenti, soprattutto Napolitano che vedrebbe il suo sogno delle grandi intese consolidato pienamente. Di politica, poi, si ricomincerà a parlare con calma, tra qualche anno.

Una figuraccia dietro l’altra

In politica on 16/07/2013 at 08:31

 

Quello del prestigio internazionale è un tema ricorrente. Ricordate? Era uno dei motivi principali per cui si era deciso di affidarsi a Monti, uomo di statura europea, rispettato nei consessi internazionali, che ci doveva far dimenticare Berlusconi, addirittura avrebbe abbassato lo spread di un centinaio di punti da solo.

Se non che, appena nominato primo ministro i tassi di interesse ebbero un pericoloso picco, tanto per far capire che le cose erano un pò più complesse. E l’Italietta da 4 soldi, quella di cui si ride in giro per il mondo, non ha mancato di tornare di prepotenza alla ribalta. Prima la figura indecorosa di Finmeccanica in India, poi il caso Marò, evadono, non evadono, li difendiamo, li ridiamo, e via dicendo. Con l’Italia abbandonata dalla UE e stritolata dall’India. Dimissioni, governo comunque già pensionato, avanti un altro.

Ed un altro scandalo, naturalmente. Una bella marchetta internazionale di Alfano, come se il Viminale fosse Arcore. Una rifugiata politica ridata al Kazakhstan in barba alle norme internazionali. E cosa era successo? Semplicemente l’ambasciatore kazako aveva più o meno ordinato che si consegnasse il rifugiato, ed in mancanza di quello si è accontentato di moglie e figlia. In Italia ha subito trovato qualche lacchè pronto ad ubbidire. Russia, Kazakhstan, petrolio, Berlusconi, ENI, gli intrecci in questione sono notevoli ma la politica italiana rimane sempre la stessa, pronta al sotterfugio, all’opportunismo, al favore meschino, sperando che non si noti troppo. Alla fine però, data la scarsa professionalità degli addetti ai lavori, si nota sempre, pure troppo.

Ed ovviamente, un altro balletto circense. Bonino dice che l’abbiamo fatta grossa ma lei non si dimette, perchè, in fondo, chi se ne gioverebbe? Non fa una piega, a latte versato non ci si dimette mai, notoriamente ci si dimette prima di combinarlo, un pasticcio. Alfano, il vero sicario in questione, è addirittura disposto a mettere la polizia sulla sedia dell’imputato pur di salvare la pellaccia.

Ma non finisce qui. Mezzo mondo ci ride dietro quando un gorilla eletto vice presidente del Senato se ne esce con frasi razziste che non sarebbero ammissibili in nessun paese del mondo. Una figura tanto oscena da fare inalberare persino Letta, fedele al motto di Gino e Michele che anche le formiche nel loro piccolo si incazzano.

Ma rimangono formiche! Un governo che si fonda sul compromesso con il personaggio più impresentabile d’Europa, che ha un partito di maggioranza relativa che è disposto a tutto per uno strapuntino di potere (contorsioni per avvicinare la Lega non razzista, ah caro Bersani, quante topiche! inciuci indecorosi pur di salvare Berlusconi…pardon, Letta) che rispetto può ottenere in giro per il mondo? Non dimenticando i continui atti di sottomissione al potente di turno. Ve lo immaginato un Obama ancora non eletto andare a Berlino a chiedere la benedizione della Merkel? No? Beh, chiedete di Renzi, l’ennesimo democratico in giro per l’Europa ad elemosinare strette di mano.

Il PD in ginocchio

In politica on 12/07/2013 at 09:50

 

In ginocchio, si. In ginocchio perchè distrutto, senza guida, afflosciato come un pallone bucato. Ed in ginocchio davanti a Berlusconi, come prima, più di prima.

Ricapitoliamo gli ultimi avvenimenti. Prima Letta si vanta di aver rimesso a posto i conti mentre l’economia va a picco, e in meno di una settimana arriva la bocciatura di S&P’s. Intanto scoppia il casino Santanchè, da eleggere vice presidente del Senato. E una parte del PD si ribella, troppi mal di pancia, anche la Santanchè no. Certo, dopo aver accettato la Biancofiore al governo, uno potrebbe anche domandarsi perchè una si e l’altra no. Forse, dopo la debacle del Quirinale il PD si sta svegliando.

Sbagliato! Berlusconi verrà giudicato il 30 Luglio per evitare di andare oltre le vacanze e far cadere una parte del processo in prescrizione, con conseguente processo bis in appello nonchè assurdo spreco di risorse. Vergogna! Golpe! Anche calendarizzare le udienze, per altro in accordo con il riordino dei lavori in Cassazione deciso oltre un anno fa, è un attacco alla democrazia. E dunque, ci vuole una risposta politica, bisogna bloccare il Parlamento. 3 giorni di Aventino, vuole il Cavaliere, un atto dimostrativo ed eversivo. Ed allora interviene il PD, no, 3 giorni no, un pomeriggio basta. E non è una risposta politica, è un timeout (©Luca Telese, in un articolo fantascientifico…) che si concede ad un amico/nemico in difficoltà, un atto di galanteria istituzionale. Che la ragione fosse una azione dimostrativa contro la Magistratura, poco importa.

Nervi a fior di pelle, immediatamente. I renziani, insieme a Civati, non ci stanno. “Merde”, “sciacalli”, questi i simpatici epiteti usati dalla maggioranza bersaniana-epifaniana per stigmatizzare il comportamento di chi ha votato contro le indicazioni del gruppo. Poi, il colpo da 90: il capogruppo Speranza va in tv a dire che Berlusconi è chiaramente eleggibile e chi dice il contrario prova ad usare a proprio uso e consumo la legge. Ed infine 70 senatori si arrabbiano, vogliono che le loro ragioni siano difese, rivendicano con forza e convinzione la partecipazione al governo. Con una spiegazione a prova di bomba: tornare a votare non si può, non con il porcellum.

E di grazia, perchè non votare una nuova legge elettorale? Non nascondiamoci dietro un dito… Il PD ha governato con Berlusconi per oltre due anni, senza mai aver nessun problema di coscienza. Hanno votato le cose peggiori, dalla riforma delle pensioni, alla scandalosa legge Fornero sul lavoro, all’ignobile fiscal compact. Hanno sostenuto un governo di tecnici, sono entrati in un governo politico. Hanno brigato per eleggere insieme un pezzo di vecchio apparato al Quirinale, proprio quando l’Italia urlava perchè si voltasse pagina.

Dietro le quinte, ne parlarono a suo tempo Flores d’Arcais e Barbara Spinelli, si mormora con insistenza di un ricatto di Berlusconi che avrebbe chiarito bene al PD che se cade lui, cadono anche loro, con tanto di ricchi dossier sui vari affarucci finanziari dei democrats. A me pare però che ci sia, invece, una reale comunione di intenti, una affinità elettiva tra i due partiti. Ne ha dato conferma anche ieri l’ineffabile Fassino che è riuscito a sperticarsi in lodi e inchini a quel Marchionne sotto la cui guida Mirafiori sta andando in malora, e protagonista di comportamenti anti-sindacali degni del XIX secolo. Eppure mai una parola di condanna è arrivata dal PD.

Le cui differenze col PDL, ormai, si riducono ad una lettera, poca cosa. Ah no, il PDL almeno ha capito qualcosa in più sulla crisi economica, e chiede di allenatre i vincoli di bilancio e combatte contro l’innalzamento dell’IVA che affosserebbe la nostra economia. Il PD, lo sappiamo, è il partito della responsabilità, conti a posto prima di tutto. Se il prezzo da pagare sono licenziamenti di massa, ineguaglianza, recessione o, come sempre più spesso ultimamente, inchini al Cavaliere, disprezzo della Costituzione e patti col diavolo, così sia. Responsabili, si. Dell’affossamento dell’Italia.

Berlusconi eleggibile: la Speranza del PD

In politica on 11/07/2013 at 12:56

Proprio quando avevamo pensato che peggio di così davvero non potesse andare, oggi il PD riesce a far peggio della vergogna di ieri, una sorta di avvitamento senza fine e, decisamente, senza vergogna.

 

Questa responsabilità se la prende nientemeno che il capogruppo alla Camera Roberto Speranza, un giovane di belle, appunto, speranze, che non si sa bene per quale merito sia assurto a ruoli così importanti, se non per esser stato un fedelissimo di Bersani. Co-optazione, che male c’è? Non fosse che poi bisognerebbe anche dimostrare un briciolo di capacità, oserei addirittura dire di intelligenza. Di questa assurda speranza, Speranza ci ripaga così:

“Secondo la legge del ’57, Berlusconi non e’ ineleggibile, quindi noi, come sempre abbiamo fatto, rispetteremo la legge….un partito non puo’ ‘stirare’ una legge per motivi politici: resto dell’idea che noi dobbiamo battere Berlusconi sul piano politico, non su altri terreni”

Beh, ecco, che dire davanti a tanta faccia di tolla? Lo sanno anche gli asini che la legge del 57 dice esattamente l’opposto: i tenutari di concessione pubblica sono ineleggibili. Si chiama conflitto di interessi, cosa che, capiamo bene, al PD non hanno mai studiato troppo bene. Se no, anche un meno che asino come Speranza potrebbe avere la speranza di capire che in conflitto di interessi c’è l’azionista di maggioranza ben più che il Presidente (l’ineleggibile Confalonieri). Non contento, il ragazzotto, ci insegna pure che le leggi non si possono stirare, come sta in effetti facendo il PD. Non lo turba cadere nel ridicolo – forse spera che gli elettori non abbiano colto. Anzi, finisce proprio coi fuochi artificiali: Berlusconi vogliamo batterlo sul piano politico. Ma battere che? La testa? E’ il tuo alleato, tienitelo stretto, che chi visse sperando morì c……

Certo che ad avere Speranza nel PD ci vuole proprio coraggio.