resistenzainternazionale

Ma non tutti possono piangere Mandela

In Internazionale on 06/12/2013 at 01:02

I was called a terrorist yesterday, but when I came out of jail, many people embraced me, including my enemies, and that is what I normally tell other people who say those who are struggling for liberation in their country are terrorists. I tell them that I was also a terrorist yesterday, but, today, I am admired by the very people who said I was one.

Un giorno di lutto mondiale, praticamente. Ogni persona che si rispetti, o che si voglia far rispettare, oggi piange Mandela, il padre del Sud Africa, l’eroe della lotta contro il razzismo, l’apartheid.

Era qualcosa di più, però, Mandela, anche se è comodo dimenticarselo ora. Era un eroe africano che lottava per l’emancipazione del suo paese e del suo continente. Emancipazione dal gioco bianco, europeo, imperialista. Non possiamo dimenticare che nel bel mezzo della Guerra Fredda – quella guerra oggi celebrata senza mezzi termini come la battaglia del bene contro il male, della libertà contro l’oppressione, della democrazia contro la dittatura – Mandela era considerato uno dei cattivi. Era un cattivo che lottava contro gli interessi delle democrazie occidentali e dei loro lacchè afrikaneer.

Nessuno ricorda come gli USA e soprattutto la Gran Bretagna fossero i principali sponsor del regime di Pretoria, finanziandolo con investimenti diretti, opponendosi per decenni alle sanzioni internazionali su cui tutto il resto del mondo era d’accordo. Non è bello ricordare ora come gli Stati Uniti usarono il Sud Africa e le sue truppe nella loro lotta per il controllo dell’Angola. E’ facile dimenticarsi che negli anni 80 Ronald Reagan mise l’African National Congress nella lista delle organizzazioni terroristiche. E Margareth Thatcher fece altrettanto. Diversi membri del suo partito – quel partito che oggi piange Mandela – fecero anche peggio: terrorista nero, lo definì Terry Dicks, parlamentare Tory; bisognerebbe sparargli, rincarò la dose il suo collega Teddy Taylor. Mentre la federazione giovanile dei Conservatori, in quegli anni presieduta da David Cameron, se ne venne fuori con dei simpatici adesivi con la scritta Hang Mandela – Impiccate Mandela.

Mandela era un amico dei russi, forse un pericoloso comunista. Lottava per la libertà, ma la libertà in Occidente è sempre stata a sovranità limitata: andava (va) bene solo quando è conveniente per noi. Se no andavano – vanno! – bene i Pinochet, i Botha, i peggio gaglioffi del mondo. Basta che difendano i nostri soldi, il nostro stile di vita. E mal che vada, come ha chiosato lo stesso Madiba, possiamo poi sempre salire sul carro dei vincitori, far di Mandela una icona mondiale, anzi, una icona dei valori occidentali. Come è stato fatto per Ghandi, un altro che ha lottato contro l’Occidente, salvo poi diventare un simbolo universale ed ecumenico.Piangerlo ora che è morto e non è pericoloso, dopo averlo combattuto come terrorista quando lottava per la libertà e la democrazia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: