resistenzainternazionale

Poltergeist – 1982, T.Hooper

In Cineteca politica on 01/11/2013 at 11:13

 Poltergeist+movie

Per tutti quelli che lamentano che Halloween non sia una tradizione nostrana, il poltergeist nella politica italiana e’ quel fenomeno tale per cui forze invisibili si manifestano attraverso il soprannaturale: la levitazione, i falchi bianchi, oggetti che improvvisamente si muovono, sentenze ribaltate, e Bindi e Brunetta che fanno la pace. Ed anche le nostre parate di zombie vantano rispettosissimi personaggi, fra cui Chucky la bambola assassina (al secolo Al Fano), e Virna Lisi, selezionata a X Factor come prossimo segretario del PD.

Film della settimana e’ dunque Poltergeist, storico e bellissimo horror del 1982, scritto e prodotto da Spielberg e diretto da Tobe Hooper, la cui carriera fu praticamente rovinata in questa occasione dalla critica cinematografica, che unanimemente lo considero’ solo una sorta di prestanome del già celebre produttore. In quel periodo Spielberg era in effetti vincolato da un contratto con gli Universal Studios che gli impediva di lavorare ad altri film durante la preparazione di E.T.

E la storia e’ quella di una tipica e felice famiglia middle class americana. Marito, moglie e tre figli in un tranquillo quartiere residenziale destinato a famiglie felici e middle class, la cui vita viene sconvolta da ingerenze sempre più pesanti da parte di forze soprannaturali che iniziano a manifestarsi tramite interferenze televisive.

E’ proprio la tv, universalmente rispettata come agente unificatore del focolaio, ad aprire le porte allo scompiglio più totale. La piccola di casa viene rapita da quelli che lei chiama i ‘tv people’ e ci vorrà una squadra di para-psicologi ed una medium per riportarla indietro. Responsabili del pandemonio sono degli spiriti tra la vita e la morte residenti dell’area che protestano contro la costruzione dei nuovi quartieri. Il lieto fine e’ garantito per tutti, eccetto che per la tv che vola fuori da una finestra.

Poltergeist ebbe da subito grande successo soprattutto grazie ai suoi effetti speciali molto all’avanguardia. E’ diventato poi con gli anni un cult non tanto grazie ai due sequel che furono subito prodotti, ma per il mito della maledizione che colpi’ parte della troupe. Nell’arco di circa cinque anni dall’uscita del primo film morirono 4 degli attori, fra cui Heather O’Rourke che impersono’ la piccola Carole Ann in tutti e tre i film.

Giulia Pirrone

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: