resistenzainternazionale

Dalla scoperta del bosone al Nobel: cosa c’è dietro le quinte

In Uncategorized on 09/10/2013 at 09:19

Immagine

Oggi Resistenza Internazionale riceve un regalo: le  considerazioni di Stefano Mersi, che ha lavorato agli esperimenti del Cern che portarono alla scoperta del bosone di Higgs. Il suo lavoro e quello di altre tremila persone, che Stefano ci aveva già raccontato qui, sono condensati ora nel Nobel alla fisica assegnato ad Higgs ed Englert.

Di Stefano Mersi

Sento di dover scrivere qualche cosa su questo Nobel, che arriva non inatteso a coronamento di un lungo lavoro di tantissime persone. Tra gli addetti ai lavori ci aspettavamo tutti questo riconoscimento: la conferma sperimentale dell’esistenza del bosone di Higgs era una cosa cosi’ grossa che tutti noi avevamo gia’ “accusato il colpo”. Due generazioni di fisici delle particelle avevano studiato sui libri di testo il meccanismo di Higgs come parte del “modello standard” e se tenevamo il fiato sospeso era perche’ “quella dannata particella” (that Goddamn particle) se esisteva realmente non poteva sfuggire a LHC. Insomma: LHC era l’ultimo treno in arrivo al binario della scoperta e se il nostro passeggero non fosse stato a bordo non avremmo avuto in mano una teoria solida per descrivere il mondo delle particelle.

  Una grossa soddisfazione pero’ devo ammettere che e’ venuta dall’ascoltare l’annuncio ufficiale, in cui oltre a Englert e Higgs vengono menzionati il CERN, l’acceleratore LHC e i due esperimenti Atlas e CMS. Il premio Nobel per la fisica viene assegnato solo a degli individui (massimo tre) e questo e’ stato il modo dell’Accademia delle Scienze svedese di dare un riconoscimento ufficiale agli esperimenti che hanno verificato sperimentalmente l’esistenza del famoso bosone. Esperimenti che essendo la collaborazionie di decine di Paesi e migliaia di persone non potevano essere i destinatari dell’ambito premio.

  Mi piacerebbe che questa regola fosse cambiata, ma purtroppo fu stabilita dallo stesso Nobel. Mi piacerebbe, dicevo, perche’ il fatto che una collaborazione larga e internazionale sia l’unico modo di produrre risultati di punta e’ forse il messaggio piu’ forte che la comunita’ scientifica puo’ mandare all’umanita’. E per noi questa e’ una realta’ quotidiana: mentre scrivo queste righe sto lavorando al Fermilab di Chicago con colleghi dall’America, l’Europa, Taiwan, Cina e Pakistan… e la cooperazione e’ molto piu’ facile di quanto si possa immaginare!

  Ora c’e’ da guardare al futuro: tra poco piu’ di un anno LHC tornera’ a produrre collisioni con una energia doppia di quella che e’ bastata a scoprire il bosone di Higgs e c’e’ chi si aspetta di trovare nuove sorprese dietro l’angolo: stavolta potrebbero essere gli esperimenti a dare del filo da torcere alle teorie!
  E poi… gia’ si lavora per gli esperimenti che verranno tra dieci anni e piu’, anche intensificando le relazioni tra le regioni del mondo superando una vecchia logica da “corsa allo spazio” per assicurare continuita’ ai progetti e integrazione agli sforzi internazionali.
  Se c’e’ un altro messaggio che questa impresa scientifica lancia al mondo e’ che bisogna sempre guardare oltre l’orizzonte del qui e dell’oggi e preparare il terreno per le imprese di domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: