resistenzainternazionale

Il Buono, il Brutto, il Cattivo – S.Leone, 1966

In Cineteca politica on 27/09/2013 at 10:03

il_buono_il_brutto_il_cattivo_-_dvd

Indignate e fiere le voci di Renato Brunetta e Gianni Alemanno, fra gli altri, si sono levate a condannare la razzia dell’industria italiana da parte di investitori stranieri, mentre nel frattempo e per qualche strana coincidenza (visto che si e’ dichiarato all’oscuro di tutto), il giovane premier promuove la nostra ‘biutiful country’ a NY nella speranza di attrarre capitali stranieri in Italia. E se non e’ far west questo…Ma non dilunghiamoci oltremodo su vicende para(po)litiche, perche’ e’ di cinema che ci occupiamo in questa rubrica.La Spagna in Italia e l’Italia in Spagna: dettaglio da Settimana Enigmistica, ma forse non tutti sanno che…Sergio Leone giro’ molti dei suoi film nel deserto di Tabernas poco fuori Almeria, in Andalusia. Per l’allestimento del set di Il Buono, il Brutto, il Cattivo  si avvalse della collaborazione dell’esercito franchista, che costrui’ ad hoc un ponte ed il cimitero della scena finale, aiuto’ con le esplosioni e mise a disposizione 1500 comparse.

Il Buono, Clint Eastwood alias il biondo, alias Enrico Letta e’ il cacciatore di taglie alla ricerca dell’oro, spietato ma infinitamente umano, avido ma virtuoso, dotato di quella stessa pietas che fu il sentimento patriottico di Enea.Dei tre, il buono e’ il personaggio su cui ci soffermiamo maggiormente perché e’ il veicolo attraverso cui Leone espresse la sua poetica che tanto scandalizzo’ gli americani. Il western originale made in USA, quello di John Wayne per intenderci, aveva un carattere fortemente didascalico in cui il sogno della libertà rappresentato dal ‘west’ era inscindibile dall’idea di civilizzazione di cui l’uomo bianco era ambasciatore.

Il ‘west’ di Leone invece, metafora ancestrale del lato oscuro del capitalismo, era un paesaggio fantastico svincolato dalla civiltà in cui il successo veniva misurato con l’abilita’ da pistolero. Leone spoglio’ la mitologia americana della retorica e ne rivelo’ la violenza dell’individualismo.

Il Brutto, Eli Wallach….alias il Porco, e’ un bandito goffo e comico che si fa spesso il segno della croce. Un personaggio dalle fattezze piuttosto di uomo medio, e nel nostro caso avremmo l’imbarazzo della scelta, potrebbe essere un Franco Bernabe’, presidente di Telecom che ha dichiarato di essere venuto a conoscenza della cessione tramite un comunicato stampa.

Ed Il Cattivo infine, Lee Van Cleef alias Sentenza, parola al suon di cui B. s’imbizzarrisce (come i cavalli di Frankenstein Junior ogni qual volta ‘Frau Blucher’ viene nominata). E’ uno psicopatico, mercenario, che coi suoi occhi socchiusi ricorda proprio lui, il nostro caro B., che anche se per una volta non direttamente coinvolto  e’ stato uno dei principali strateghi degli infruttiferi interventi politici in economia, vedi Alitalia, che hanno portato in recessione il nostro Paese.

Nonostante le diffidenze iniziali della critica, Moravia in una recensione accuso’ il film di ‘bovarismo piccolo borghese’, Il Buono, il Brutto, il Cattivo ha incassato più di 25 milioni di dollari dalla sua uscita.

La colonna sonora, come ben noto, fu interamente composta da Ennio Morricone, ex compagno alle scuole elementari di Sergio Leone.

Giulia Pirrone

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: