resistenzainternazionale

Don Gallo, che una sera d’inverno si toglieva il cappello davanti ai NoDalMolin

In Fin de parti(e) on 22/05/2013 at 19:40

Immagine

Di @MonicaRBedana

A Vicenza è primavera stentata, Don Gallo, e questa volta il magone, e grande, ce l’abbiamo noi.

Perchè senza la tua voce sarà infinitamente più duro far capire che l’Italia è una portaerei dalla Dal Molin a Sigonella, passando per Aviano.  Farlo capire soprattutto a questo Governo a binario unico su cui si lancia inesorabilmente anche il TAV; a questo centrosinistra che continua a darsi delle gran pacche sui coglioni e, come ai tempi di Prodi, perde occasioni irripetibili per ascoltare la gente, i cittadini.

La piazza di Vicenza sarà più che mai presidio permanente di scambio, di incontro, di dialogo anche grazie a te; la città dove ci si ostina a voler piantare alberi su quel cemento che ci porta inondazioni  un giorno sì e l’altro pure, ad opporci ai Colli trasformati in campi di tiro, ad essere snodo delle operazioni militari di mezzo mondo. Lo dicevi anche tu che qui non c’è crisi di appartenenza perchè apparteniamo a questo territorio da difendere come l’utopia di Galeano, venti passi alla volta che si spostano venti passi in là. E noi dietro, a passo sicuro.

Era una sera di febbraio. Ma sarà sempre primavera a Vicenza, Don Gallo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: