resistenzainternazionale

Forza Italia! – R.Faenza, 1977

In Cineteca politica on 09/05/2013 at 21:44

mqdefault

Tra la fine dell’ancien régime e la Restaurazione, in Francia, l’unico caposaldo fra le numerose forme di governo che si succedettero, fu la presenza al governo del Principe di Talleyrand.

Dal secondo dopoguerra all’inizio di questa settimana nella vita dell’Italia Repubblicana, segnata invece da un solo immutabile (nome a parte), partito al governo, figura onnipresente e’ stata quella di Giulio Andreotti, che a differenza di Talleyrand non ha nemmeno dovuto ricorrere alle virtù del camaleonte per rimanere al potere. A dimostrazione che la politica, specialmente nella DC, non e’ un mestiere ma una vocazione, e che l’abito del democristiano e’ una veste sacra di cui mai ci si spoglia.

Con tanto tempo ed altrettanta astuzia Giulio Andreotti ha raggiunto numerosi primati in 60 anni di potere:  ben 7 volte Presidente del consiglio, innumerevoli incarichi in vari dicasteri, dal 1945 sempre in Parlamento e custode di molti segreti di stato. Non si e’ fatto mai mancar nulla, nemmeno un processo per concorso esterno in associazione mafiosa, e pur avendo un curriculum così ricco di eventi e’ riuscito nella sua vita a far parlare di se’ il meno possibile. Su un personaggio così attraente, star sul filo del rasoio di molti misteri italiani tra il senso dello stato ed il delirio di onnipotenza, ci si aspetterebbe una vasta cinematografia, ed invece quasi niente, se non l’audace Il Divo di Paolo Sorrentino.

Per cui, per ricordare lo Zio Giulio questa settimana abbiamo scelto un documentario dal lungimirante titolo realizzato da Roberto Faenza in collaborazione con Marco Tullio Giordana, Antonio Padellaro e Carlo Rossella nel 1977. Un montaggio di reperti video dell’Istituto Luce e di tv di altri Paesi europei mai trasmessi prima in Italia, che mostrano il destino del nostro Paese intrecciato con la storia della Democrazia Cristiana dalle elezioni del 1948 fino al ‘rinnovamento’ del partito al congresso del 1976. Una carrellata di eventi che legano il Piano Marshall alla ricostruzione del nostro Paese tra festival della canzone Italiana, Miss Italia ed il disastro alla diga del Vajont. Sempre presente Giulio Andreotti, che alla stregua del buon Paolini, appare sullo schermo in tutte le epoche, primi o secondi piani che siano, e sembra non cambiare mai eta’ o espressione, nemmeno nel passaggio dal bianco e nero al colore.

Il documentario fu ritirato dalle sale pochi mesi dopo l’uscita quando Aldo Moro venne rapito. Faenza stesso ha raccontato in un’intervista, che quando il documentario fu trasmesso in tv nei primi anni ’90 la procura di Palermo ne sequestro’ una copia perché in alcuni fotogrammi Andreotti appariva accanto persone sospette per mafia.

di Giulia Pirrone

il film completo:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: