resistenzainternazionale

L’Italia resta a terra

In Uncategorized on 29/04/2013 at 17:16

Interessante dare una occhiata al ranking degli aeroporti mondiali, una proxy dello stato delle infrastrutture di un paese – ed in questo caso della sua modernità, della sua capacità di sfruttare in pieno le opportunità della globalizzazione. Il ranking viene stilato in base alle domande poste agli utenti e che riguardano ogni aspetto – trasporto pubblico da e per l’aeroporto, taxi, sicurezza, shopping, zone di relax, informazioni, prezzi, etc…
La graduatoria è chiaramente dominata dall’Asia, Singapore, e Seul in testa ed Hong Kong e Pechino nei primi 5, ed in generale 10 dei primi 20. C’è un outlier come il Sud Africa che ha però dimostrato di aver sfruttato al meglio la possibilità data dai Mondiali di calcio (cosa che certo non possiamo dire dalle nostre parti). Gli Stati Uniti si rivelano un paese in crisi, con infrastrutture povere e malfunzionanti – basti pensare anche allo stato delle ferrovie – e con una industria aeronautica ormai a corto di ossigeno. E poi c’è l’Italia. O meglio, non c’è l’Italia. Nei primi 100 aeroporti non ce ne è nessuno del nostro paese. C’è Istanbul, ci sono i Pigs al gran completo con Madrid, Barcellona ma anche Dublino, Atene e Lisbona. Ci sono Malta, e anche i piccoli scali di Birmingham, Manchester. Ma nessuno scalo italiano.
Difficile sorprendersi per chiunque abbia viaggiato nel Belpaese. Fiumicino è una sorta di suk, famoso nel mondo per i tentativi di truffa a danno dei turisti stranieri. Malpensa, costruito ex novo, ha collegamenti con Milano imbarazzanti. A Bologna sono 15 anni che rifanno l’aeroporto ogni due anni, non riuscendo mai a renderlo efficiente. E taciamo di Ciampino per amor di patria. Per 20 anni si sono costruiti aeroporti minuscoli per soddisfare le manie di grandezza di qualche ras locale (solo sulla via Emilia ci sono Rimini, Forli, Bologna e Parma, 4 aeroporti in 150 km….senza pensare al resto del Nord) ma senza un minimo piano generale dei trasporti. Il tutto lasciato all’improvvisazione.
Tutti, a parole, sono concordi che il turismo dovrebbe essere una grande risorsa per l’Italia. Ma a parte improbabili video con Rutelli e i cani della Brambilla, nulla è stato fatto. Si è salvata, per modo di dire, l’Alitalia, per poi lasciare andare in rovina gli aeroporti. Uno dei tanti aspetti del miracolo italiano della Seconda Repubblica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: