resistenzainternazionale

L’Italia, i marò e gli impegni che si rispettano

In Uncategorized on 12/03/2013 at 07:39

Che tristezza l’Italia. In nome di un nazionalismo opportunista e vigliacco, il governo ci ridicolizza internazionalmente, ci fa fare la solita figura degli inaffidabili, crea uno strappo drammatico con un Paese decisivo per i futuri assetti internazionali come l’India.
La storia la sanno un pò tutti. Un peschereccio scambiato per una barca pirata, soldati italiani a bordo di una nave commerciale (e già qui ci sarebbe da fare una bella discussione…), pescatori indiani morti e due marò arrestati in India ed in attesa di processo. Nel mezzo la diatriba sulla giurisdizione, chi deve fare il processo e dove era la nave italiana al momento della sparatoria.
Poi il permesso concesso e la cauzione pagata dal governo italiano – con l’obbligo per i marò di tornare in India.
Ed oggi la solita italianata. I marò rimangono a casa, anzi, apparentemente tornano al loro lavoro di fucilieri. Mica male per due che hanno ammazzato due innocenti pescatori – e questa non è una opinione, ma ormai un fatto acclarato.
Non è particolarmente importante di chi sia la ragione sulla giurisdizione, l’Italia o l’India. L’Italia ha pagato una cauzione prendendo degli impegni – che la vincolavano alla parola data. Ma la parola di un paese di pagliacci come il nostro non vale nulla – a meno che non ci sia da comprare degli F-35 inutili mentre si tagliano le pensioni. E dove è Napolitano, sempre attento a che gli impegni internazionali si rispettino? Non basta: questo governo che doveva riabilitare il nome dell’Italia all’estero si permette di prendere una decisione gravissima senza essere nel pieno dei suoi poteri e, fondamentalmente decidendo per il prossimo. Questa è la serietà istituzionale di Monti e soci. Possiamo stare sicuri che di questa buffonata se ne ricorderanno da quelle parti del mondo quando ci sarà da stipulare impegni commerciali. Mentre il tanto declamato onore militare và a farsi benedire. Altro che eroi italiani: due semplici evasi in fuga. C’è solo da provare vergogna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: