resistenzainternazionale

In difesa del finanziamento pubblico ai partiti

In a sinistra on 11/03/2013 at 08:23

Adesso anche Renzi, dopo Berlusconi, salta sul cavallo di battaglia del M5S e tenta di dominarlo, o ancora meglio, copiarlo. Stop al finanziamento pubblico ai partiti, una sfida lanciata quasi più a Bersani che a Grillo.
Una sfida facile facile, dal sapore populista. In fondo è quello che la gente vuole: i partiti rubano, togliamo loro i soldi, che vengono dalle nostre tasche per mantenere un gruppo di parassiti.
Ora, sul fatto che il malcostume politico in Italia è dilagante non ci sono dubbi. Ed è più che legittimo che questo renda davvero odiosa l’idea che al Parlamento dove si prendono 10 mila euro al mese si mangi con 2 euro. Altrettanto inaccettabile è che coi soldi dei contribuenti si organizzino festini e mangiate di ostriche.
Ma il finanziamento pubblico ai partiti è ben altra cosa. E’ uno dei fondamenti della democrazia: soldi pubblici per persone e associazioni che si interessano della cosa pubblica. Per non lasciarla nelle mani di chi questi soldi non ha bisogno. Per esempio di un miliardario sceso in politica con tutte le sue aziende sulle spalle e una potenza di fuoco – mediatico, di risorse, di spesa – mai vista prima in Europa. O anche di un comico più che benestante con una società di gestione web e marketing alle spalle.
Pure senza doverci per forza concentrare sul caso italiano – che è comunque ai limiti dell’emergenza democratica – basta dare una occhiata al di là dell’oceano per vedere quali siano i drammi di una politica “privatizzata”. Vincono i candidati che riescono a raccogliere più fondi privati – e questa capacità, in media, non è il risultato della popolarità del personaggio in questione e nemmeno della giustezza delle sue proposte politiche. La maniera più semplice ed efficace per raccogliere denaro – e quindi, appunto, per vincere le elezioni – è farsi promotore di politiche ed idee pro-ricchi e soprattutto pro-corporation, cioè andare a chiedere i soldi a chi ce li ha davvero.
Il risultato è una politica di marca oligarchica in cui davvero sinistra e destra non esistono più come dice Grillo – tutte e due gareggiano per fare gli interessi dei padroni.
Ecco, il furbetto di Firenze ed i suoi seguaci tra i democrats dovrebbero forse pensare a questo prima di seguire Grillo&C. sul pericoloso crinale della demagogia spacca-tutto. Più moralità in politica è la base di partenza. Ma il punto di arrivo non può essere la privatizzazione. A meno che non si pensi davvero di buttare via il bambino-democrazia insieme all’acqua sporca dei privilegi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: