resistenzainternazionale

Se la politica si riduce ad agende e proclami

In Uncategorized on 08/01/2013 at 13:12

di Guido Rossi
da Il Sole 24 Ore

Che la vita politica italiana, in attesa delle elezioni, sia ormai ridotta in agende, di vario contenuto e stile, di candidati politici o di rappresentanti della fantomatica società civile è certamente fenomeno singolare e in parte anomalo. Al crollo delle ideologie che, nel bene e nel male, presentavano modelli e programmi politici, adattati e propugnati dai cittadini, si sono ora sostituite agende che sanno più di proclami che di programmi.
E poi, queste agende per simulazioni d’intenti riempiono, ognuna con i modi suoi e i suoi sostenitori, i mass media e i social network, sempre più condizionatori decisivi dell’opinione pubblica e delle volontà degli aventi diritto al voto elettorale democratico. Fra tali agende la più seguita e commentata è certamente quella del dimissionario Presidente del Consiglio Mario Monti. Agenda non a caso esaltata da un imprecisato e confuso “centro” politico e benedetta dal Vaticano, fors’anche perché il lemma latino “agenda” indicò nel cristianesimo antico il grande libro della messa e ha preso poi il suo attuale significato nella metà del ‘600 nella nostra lingua dalla locuzione ecclesiastica “agenda diei”, cioè “gli uffizi del giorno”.
Questa agenda centrista di Mario Monti dà quasi l’impressione di essere impermeabile, quasi ad ulteriore compenso della benedizione ricevuta, a qualsiasi principio di laicità dello Stato, dimentica in un sol colpo dell’eredità del nostro Rinascimento, e del contributo all’Illuminismo, nonché degli attuali fermenti ed esigenze di un Paese sempre più multietnico e multiculturale, ancorché non si voglia in Europa rinfocolare i presupposti religiosi della guerra dei trent’anni. Ma essa risulta poi altresì distratta, se non per uno scadente riferimento, rispetto ai principi fondamentali della democrazia costituzionale.
La stessa “salita in politica”, confusa nelle variegate funzioni e benemerenze, sembra accoppiarsi ad un singolare criterio di scelta dei candidati della propria lista elettorale. Infatti, i titoli delle loro ammissioni e le cause di ineleggibilità e incompatibilità, in evidente sovrapposizione all’art. 66 della Costituzione, che li dovrebbe vedere giudicati da ciascuna Camera, saranno sottoposti ad una preventiva “due diligence” del manager Enrico Bondi. Fuor dell’uso improprio delle espressioni straniere, i delegati a rappresentare il Governo dei cittadini saranno dunque scelti con il giudizio di un nuovo “Capo azienda” lontano e fuori della politica?
È forse allora finalmente tempo che chi ne ha l’autorità spieghi che lo Stato non è un’azienda, che la politica non è una branca dell’economia aziendale, che la meritocrazia, i cui criteri sono sempre più discutibili, porta all’oligarchia di élite, che promuovono gigantesche inuguaglianze e difettano per loro natura di cultura democratica. Non è quindi un caso che nell’agenda Monti il benessere dei cittadini e l’economia sociale di mercato, finora soffocati dalla politica dell’austerità e del rigore, tanto impietosa quanto discutibile, non siano previsti ed attuati attraverso provvedimenti a tutela dei fondamentali diritti (lavoro, istruzione, salute), nei quali si realizza la democrazia costituzionale.
E poi, come ha giustamente rilevato Barbara Spinelli su La Repubblica, il titolo stesso dell’agenda: “Cambiare l’Italia, riformare l’Europa” dovrebbe essere modificato in “Cambiare l’Europa per cambiare l’Italia”. Non va dimenticato infatti che i mali dell’Italia, pur in sé tutt’altro che trascurabili, sono nell’ultimo anno dipesi in gran parte da una difettosa e pericolosa struttura politica europea, la quale ha solo potuto parzialmente bloccare, per merito della Bce, la devastante crisi depressiva dei vari Stati membri, fra cui il nostro. L’Unione Europea si presenta infatti oggi come una struttura tecnocratico-amministrativa, che non ha ancora come fondamento né un popolo europeo né una nazione degli europei. Non è sufficiente allora semplicemente riformare l’Europa, ma è necessario cambiarla.
Un recentissimo articolo sull’Economist ha infatti paragonato l’attuale situazione del l’Unione Europea a quella del Sacro Romano Impero. Il parallelismo dovuto tra gli altri allo storico Peter Claus Hartmann, è per molti versi inquietante. L’impero, anche dopo la defenestrazione di Praga, che dà inizio alla Guerra dei trent’anni tra gli Stati cattolici e quelli protestanti, si chiude con la pace di Westfalia, nel 1648, nella totale incapacità di siglare un’unità politica europea, sicché finisce per scomporsi in frammentati Principati geopoliticamente irrilevanti. Nella metà del diciottesimo secolo, Austria e Prussia, che cercano di ridurre gli altri territori ad una “terza Germania”, sono ulteriore fonte di destabilizzazione. Ed è in questo paragone che ritengo oggi sconveniente un’adesione italiana all’agenda Schäuble, che prevede un supercommissario per bloccare i bilanci degli Stati membri irrispettosi delle regole sul deficit.
Senza continuare con ulteriori paragoni, sembra opportuno che, se non vuole dissolversi, come Sacro Romano Impero, preda poi facile di Napoleone, l’Europa debba democraticamente cambiare privilegiando l’elemento federalistico su quello statale, sia nella sua organizzazione, sia nella formazione della sua volontà democratica e nel modo di agire dei suoi organi centrali. Lo stesso Parlamento europeo non può rappresentare ciò che non è e ciò che ancora non esiste: né il popolo europeo, né una sfera pubblica politica europea, che decida aldilà dei confini nazionali le questioni decisive per la sua sopravvivenza.

Se ti è piaciuto questo post, clicca sul simbolo della moschina che trovi qui sotto per farlo conoscere alla rete grazie al portale Tze-tze, notizie dalla rete

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: