resistenzainternazionale

Ma la Resistenza non è stata un pranzo di gala

In Uncategorized on 25/04/2012 at 08:55

Per festeggiare il 25 aprile, abbiamo rubato due cose: il logo del “Bella Ciao” di molte piazze italiane (in concreto di quello di Piazza Dante a Verona, grazie, siamo lí con voi!) e l’ articolo riportato sotto, di Matteo Pucciarelli da “Micromega” . Su Serenissima invece c’è Beppe Fenoglio ed un ricordo per gli altri partigiani della letteratura.

“Sulle lapidi, a me basterà il mio nome, le due date che sole contano, e la qualifica di scrittore e partigiano”.

Buon 25 aprile a tutti,
da Resistenza Internazionale

Dietro al concetto politicamente corretto del “rispetto dell’avversario” che tanto va di moda, e che parifica idee diverse tra loro come egualmente legittime, si nasconde la grande bugia – resa verità a buon mercato – di questi ultimi venti-trenta anni di sdoganamento storico e morale del neofascismo italiano.

Il disegno insito nella più grande ideologia moderna – spacciata come dottrina anti-ideologica per eccellenza – è quello degli opposti estremismi. Utile e finalizzato a mettere sullo stesso piano partigiani e ragazzi di Salò. Studenti del liceo di “estrema sinistra” e di “estrema destra”. La curva con la bandiera del Che Guevara e quella con gli slogan nazisti. I libri neri sul comunismo e quelli sul nazifascismo. Le foibe da una parte, i rastrellamenti a Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema e tutto il resto dall’altra. Tutti colpevoli, e allora tutti uguali. E quindi, se i ”rossi” possono parlare perché non posso farlo anche i “neri”?

Di un fraintendimento del genere è rimasta vittima anche la sinistra. Il primo a legittimare il Msi fu, non a caso, un socialista: Bettino Craxi. Oggi ci si accontenta dei Piero Sansonetti, dei Giampaolo Pansa, dei Luciano Violante, dei grillini che citano Pertini a sproposito: perché la tolleranza – secondo loro – va applicata sempre e a tutti, anche verso chi dell’intolleranza fa il proprio credo.

Invece – vaglielo a spiegare – i nostri padri costituenti ci avevano spiegato già tutto, ben prima che questi novelli guru si erigessero a paladini delle libertà (di far danno). Se avessero vinto i ragazzi di Salò, quelli come Togliatti, Nenni e De Gasperi sarebbero stati confinati a Lipari, a voler essere buoni. Vinse la democrazia, e gli Almirante, i Romualdi e i Michelini poterono accomodarsi tranquillamente in parlamento. Ecco qual è stata la differenza, la riprova di chi allora stava nel giusto e chi nel torto.

La Resistenza non è stato un pranzo di gala. È stata sangue, violenza e sacrificio. Sangue di innocenti contro sangue di colpevoli. Il buonismo da salotto di settanta anni dopo è partigiano. Partigiano dalla parte sbagliata. Chi crede ancora in quei valori non fa paragoni né celebra riti di equidistanza. Le cose vanno dette per quel che sono, senza derubricarle a folklore: chi non festeggia il 25 aprile, oggi come allora, è un nemico della democrazia.

Se ti è piaciuto questo post, clicca sul simbolo della moschina che trovi qui sotto per farlo conoscere alla rete grazie al portale Tze-tze, notizie dalla rete

Annunci
  1. questo scrivevo ieri sera.

    Vorrei che domani fosse nuova liberazione, non anniversario di gesta passate. vorrei un paese di robusta costituzione e non di sola prostituzione.
    vorrei essere partigiana di fatto e non solo di fatti riportati. resistere non basta più.
    Silvia L.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: