resistenzainternazionale

Monti, Rajoy e il volo per l’EuropaDi Monica Bedana

In Internazionale on 30/11/2011 at 08:08

In un andirivieni continuo tra l’Italia e i centri del potere europeo, costantemente arrampicato sulle esili fronde della difesa di progetti ancora intangibili di risanamento dell’economia italiana, il professor Monti in questi giorni pare il barone rampante. Si arrampica ovunque possa farsi udire per rassicurare gli esigenti interlocutori europei che l’Italia farà le riforme che ci esigono e per scongiurare, al tempo stesso, la seria possibilità che il nostro Paese precipiti in serie B, il girone della seconda velocità previsto da un minaccioso “patto segreto” come contrappasso per gli accidiosi dell’economia.
Quindi, pochi giorni fa l’abbiamo visto ad un vertice a tre con Merkel e Sarkozy, ieri in un eurogruppo a Bruxelles nella sua veste di ministro dell’economia, oggi all’ecofin. Il barone rampante non smette di girovagare ma Sarkozy, incollerito e minacciante come il padre letterario del vero barone perfino la domenica  gli esige fretta nello scendere dagli alberi e mettersi finalmente all’opera.
Il messaggio chiaro è che l’Italia stia sprecando tempo prezioso e si adoperi maggiormente a fornire garanzie che a metterle in pratica. Nel frattempo il Paese paga un prezzo record -quasi l’8%- per piazzare il suo debito a tre anni, quando solo un mese fa, con lo screditatissimo Berlusconi ancora al timone, un 4,9% era bastato. Ed il differenziale, a tratti, nella giornata di ieri ha di nuovo superato i temuti 500 punti. Paura, sfiducia i termini più ricorrenti sulla stampa internazionale per definire le sensazioni che l’Italia provoca sui mercati. Se questo è l’effetto del barone Monti, brillante e rampante a tu per tu con Napoleone la zarina, allora preferisco il silenzioso profilo dell’uomo dalle mille sconfitte, Mariano Rajoy, al confronto del professore un debole Icaro dalle ali di cera. Nessuno lo incalza, nessuno lo sprona, nessuno lo cerca per rimproverarlo: è l’enorme vantaggio concessogli dal fatto che (quasi) nessuno sappia chi è. E mentre in Italia si fa baccano per le nomine dei sottosegretari, Rajoy cela con ostinazione i nomi dei membri del suo futuro e prossimo governo, tanto da far pensare che nemmeno lui li conosca ancora. Non solo: sempre a disagio nelle riunioni internazionali, invece di praticare un presenzialismo sfrenato per perorare la causa spagnola, aspetta con fiducia che l’Europa gli faccia visita a domicilio.
Ieri è venuto a trovarlo Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea. Alla fine dell’incontro, nessuna dichiarazione dei due insieme; Tajani ha detto di aver chiesto al presidente eletto i contenuti delle riforme economiche che il futuro governo intende applicare ma “il commissario ha segnalato che Rajoy non gli ha presentato nessuna proposta concreta perché sta ancora lavorando su come mandarla in porto”.
Tutto senza fretta, in una giornata tranquilla sul mercato spagnolo e con la notizia che il disavanzo nei conti dello Stato tra entrate e uscite è diminuito in questi mesi del 17% rispetto allo stesso periodo del 2010. Non poco, non male. Zapatero, anche lui desaparecido, lavora in silenzio e facilita il passaggio delle consegne.
Stili e carriere completamente opposti; eppure dovrebbero essere questi due uomini diversissimi, Monti e Rajoy, ad iniziare a far fronte comune in Europa per la salvaguardia della pari dignità di tutti gli Stati membri. Affinché i baroni del nord, ottusi, inamovibili, privi di solidarietà e di buonsenso non spicchino il volo a bordo della mongolfiera, lasciando a terra, svuotata, un’istituzione da cui sono stati i primi a trarre ogni beneficio.

Se ti è piaciuto questo post, clicca sul simbolo della moschina che trovi qui sotto per farlo conoscere alla rete grazie al portale Tze-tze, notizie dalla rete

Annunci
  1. Una situazione di grande insicurezza che parte dai vertici del governo e si ripercuote su di noi.
    Intanto vorrei far presente come MAI nella storia dell'umanità si sia verificata la situazione che viviamo in epoca euro: una moneta “unica” la cui stabilità e valore nei paesi aderenti non sono difesi né garantiti da un organo di controllo centrale. Ogni Paese aderente- ad oggi – gode di diversi livelli di protezione monetaria e ciò si riflette sul potere reale di acquisto. Ed è ciò che conta .
    Hola!
    Psycook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: