resistenzainternazionale

La soglia psicologica dei 5 milioni (di disoccupati)di Monica Bedana

In Uncategorized on 15/05/2011 at 17:31

Alleggeriamo la tristezza dell’argomento con un po’ di meseta…il mio angolo preferito del Tormes, vicino a casa

Queste righe le scrivo perché me le ha chieste Simone Giovetti e, come lui ben sa, non riuscirei mai a dirgli di no. Scrivo quindi raccontando come racconterei ad un amico, con parole mie, quello che so e credo di aver capito su come questo Paese, la Spagna, in cui vivo ormai da mezza vita, sia arrivato alla soglia dei cinque milioni di disoccupati ed i segni di ripresa economica, quei “verdi germogli” che spera di veder crescere a breve rigogliosi il Ministro dell’Economia, pare abbiano ancora bisogno di molto fertilizzante, prima di spuntare.

La Spagna non sta affrontando per la prima volta, in tempi moderni, il problema di un’ altissima percentuale di disoccupati; già verso la fine dell’ultimo governo di Felipe González, nel 1996, il 22% della popolazione attiva era in cerca di lavoro. Allora però il Paese stava entrando lentamente nella via della modernità dopo quarant’anni di isolamento dovuto alla dittutura franchista. Il cammino si dischiuse completamente con l’entrata della Spagna nell’Unione Europea. Si modernizzò il paese mettendo in atto una pesantissima riconversione industriale; migliorarono l’educazione, la sanità, le infrastrutture, i meccanismi di protezione sociale, ma tutto ciò -vale la pena di ricordarlo- fu a costo di aumentare abbondantemente il debito pubblico e di ricevere dall’Unione Europea quasi la metà di quei fondi di sviluppo destinati alle economie più deboli, che ieri come oggi erano l’Irlanda, il Portogallo e, appunto, la Spagna. Il circolo vizioso era già iniziato quindi nel ’92, l’”anno della Spagna”, quando si gridò al miracolo economico per gli apparentemente spettacolari risultati delle Olimpiadi di Barcellona, dell’Expo di Siviglia, dell’AVE tra Madrid e Siviglia, il miglior treno d’Europa per alta velocità.
Modernizzazione e crescita alla velocità della luce, ma lo sviluppo economico era un gigante dai piedi d’argilla.

Sulla sinistra, in fondo, le querce del campo charro, il regno dei maialini neri e dei tori da corrida

Dopo il 1992, è senz’altro il 2007 il secondo anno emblematico per la Spagna moderna; in primavera del 2007 la disoccupazione toccò il minimo storico, secondo le statistiche: solo un 7,9% di persone stava cercando lavoro quella primavera, soltanto 1,7 milioni di disoccupati. Eppure i primi sintomi della crisi economica mondiale erano già nell’aria.

Spiegare come si è giunti, da quella fausta primavera del 2007 ad oggi, con oltre 4,9 milioni di disoccupati, è relativamente facile; difficilissimo invece immaginare o sapere come uscirne (e in questo campo nemmeno oso un abbozzo di teoria, ché mi par già di sentire il professor Melloni che sventola la bandiera del “sangre, sudor y l’agrimas” e ci spinge fuori dall’euro).
Il lasso di tempo in cui si è passati dalla vida loca, l’epoca in cui ottenere denaro in prestito era perfino più facile che sentire Mourinho lamentarsi di qualcosa, è relativamente breve, quattro anni scarsi. Ma lo scoppio della bolla immobiliaria non fu che la punta dell’iceberg di un sistema produttivo che da lustri aveva iniziato a squagliarsi senza che nessuno avesse pensato per tempo a correre ai ripari. In pratica, trovare lavoro era facilissimo, ma si trattava quasi sempre di lavoro poco qualificato e segnato inesorabilmente dalla temporalità.

All’orizzonte, i campi di lenticchie e ceci, famosi prodotti della Armuña, l’angolo di meseta in cui vivo

Durante gli anni d’oro dell’edilizia, tra il 2003 ed il 2007, in Spagna si costruivano circa 700.000 case all’anno; nella famosa primavera del 2007 ben 2,7 milioni di persone, secondo dati dell’EPA (Encuesta de Población Activa) lavoravano nella costruzione; i dati di aprile di quest’anno indicano che in questo settore ora resistono a malapena 1,5 milioni di lavoratori. Insomma, negli anni delle vacche grasse in Spagna, più che in qualsiasi altro Paese dell’Unione Europea, i posti di lavoro che furono creati non necessitavano qualificazione, si trattava di bassa manovalanza che qualsiasi persona avrebbe potuto svolgere, senza bisogno di preparazione specifica; per questo i settori che crebbero a dismisura furono la costruzione de il turismo. Settori che divennero le colonne portanti della nostra economia, oltre ad una eccellente entrata di finanziamenti esterni che ora bisogna pagare. A ciò si aggiunge che qui sono relativamente poche le aziende davvero competitive a livello internazionale (nel mio precedente articolo sulla cementificazione del Veneto ho citato Sacyr Vallehermoso, per esempio). Per essere competitivi bisogna innovare; per innovare bisogna investire nella ricerca, perché l’assenza di ricerca ed innovazione finisce per minare la produttività. Le piccole imprese, ancorate a sistemi di produzione obsoleti, o i gruppetti di muratori che vagavano da una periferia all’altra, dalla costruzione di un condominio all’altro, vivevano della stagionalità, del contratto a termine, pensando che ciò poco importava mentre si continuava a costruire. E cosí nei settori meno specializzati e più legati alla temporalità sono affluiti molti giovani, che hanno abbandonato gli studi tratti in inganno dal miraggio di uno stipendio più o meno fisso (che a sua volta apriva le porte dell’emancipazione perché era facilissimo ottenere dalle banche -e soprattutto dalle casse di risparmio- il mutuo non solo per la casa, ma anche per arredarla da cima a fondo e, già che c’erano, pure per una macchina nuova). E vi sono affluiti gli immigrati, molti legali ma moltissimi clandestini, che ora in parte (una percentuale piccola) ritornano ai loro paesi di origine (prevalentemente il sudamerica) ma nella maggioranza dei casi allungano le code alla Caritas per un piatto di minestra o, nella peggiore delle ipotesi, si rifugiano nella criminalità organizzata.

Ogni tre persone al di sotto dei 25 anni, in Spagna ce n’è una che non trova lavoro. E se non si creano nuove aziende, quelle che solitamente danno spazio ai giovani laureati, si può ben capire come in questo Paese sia cosí tremendamente diffusa la disoccupazione giovanile. La temporalità del lavoro riguarda almeno il 30% dei contratti; se a ciò si unisce la scarsa qualità dell’impiego non stupisce che il connubio tra le prime avvisaglie delle subprime (hipotécas tóxicas in spagnolo, un’espressione molto più realistica e pungente) verso la fine del 2007 ed il fallimento de Lehman Brothers, abbia spazzato via in un soffio un sistema che già scricchiolava da tutte le parti nella sua stessa natura. Non appena il rubinetto del credito si chiuse ed il PIL inizió inevitabilmente a scendere, i primi ad essere rimandati a casa furono i lavoratori con contratto a tempo, quelli meno costosi da liquidare. Poi la crisi era peggiore di quanto si volesse ammettere e mentre Governo e Sindacati non trovavano il modo di giungere ad accordi collettivi di settore per la riduzione dei salari o per cambiamenti che riguardassero gli orari o la mobilità del personale, l’accetta iniziava a tagliare anche i contratti indefiniti. Le aziende piccole chiudevano i battenti, quelle grandi, come Seat o Nissan, due dei casi più discussi del paese, si apprestavano a tirare la cinghia.
I risultati dei tagli praticati “a fin di bene” dal Governo sul settore pubblico e delle varie politiche di rilancio dell’economia e dell’occupazione ancora non si vedono; la speratissima ripresa della crescita, imbrigliata com è dalle esigenze e le costrizioni dell’Unione Europea, se anche dovesse far capolino, sicuramente non sarebbe competitiva.

I Governi di Felipe González instaurarono i contratti-spazzatura, quelli di Aznar gonfiarono la bolla immobiliare; Zapatero ha goduto dei frutti dell’epoca delle vacche grasse migliorando senza dubbio il sociale, ma con poca lungimiranza in quanto allo svecchiamento di buona parte del sistema produttivo del Paese. Ora i sacrifici toccano ai cittadini e probabilmente, come dice il professor Melloni, dovremo rassegnarci tutti ad un lungo periodo di “sangre, sudor y lágrimas”.
Annunci
  1. Com è umano, lei!
    Riconosco nel suo commento la forza di pensiero della scuola del professore, che lei cosí brillantemente segue.
    Grazie.

  2. bel pezzo. il professor melloni pero' non e' un fan delle lacrime e sangue, tutt'altro. pensa che le lacrime e sangue le debbano versare chi si e' arricchito in questi anni in maniera smodata e non il popolo spagnolo. Anzi, la ripresa, sostiene sempre il professore, passa attraverso un incremento della domanda, e la domanda, si sa, la stimola soprattutto la parte piu' povera della popolazione.
    Ultima notazione, nonostante la Spagna sia in ginocchio, alcuni di quegli investimenti fatti nel passato hanno messo i semi per una ripresa futura. Oltre le case in Spagna si costruivano, ad esempio, l'alta velocita', la metrpolitana di madrid, etc..etc.. Cose mai fatte, per esempio a Londra. Cose importanti per ripartire nel futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: